Roma celebra il cinema: parata di artisti per "Videocittà", maratona di eventi all'insegna della tecnologia

Venerdì 14 Settembre 2018 di Laura Larcan

La parola d’ordine è immagine in movimento. Quella del cinema in 4D girato in realtà virtuale dove le poltrone si muovono ed emanano odori, e quella ipnotica targata videomapping che trasfigura Pantheon, Tempio di Adriano e Sant’Agostino. Assaggi della torta millefoglie che è VideoCittà, progetto contenitore al via dal 19 al 28 ottobre, costruito per svelare la dimensione artigianale e industriale di cinema e audiovisivo, con le sue professionalità e le eccellenze.

E con il suo ideatore, Francesco Rutelli (presidente dell’Anica) che centellina dopo mesi fior di anticipazioni. E lascia crescere la suspance per le proiezioni top secret al drive-in “ecologico” del Colosseo del 28 ottobre («sarà uno dei film più importanti della Festa del Cinema, e proiezioni a sorpresa in accordo con la Cineteca nazionale di Bologna», anticipa Rutelli).

I numeri fanno la differenza: più di 60 eventi gratuiti, quasi 50 location. «Un’invasione di luoghi, di linguaggi, di creatività, in 10 giorni», ripete il direttore artistico Tomaso Radaelli. Qualche curiosità la offre “The Living room Candidate”, raccolta inedita in Europa di 300 spot di tutti i candidati alle elezioni presidenziali americane dal 1952 ad oggi, da Truman a Trump: sarà presentata il 23 ottobre al Senato e in replica al pubblico all’ex Dogana.

Tanti i progetti di videomapping: cinque artisti sono chiamati a lavorare su 5 location speciali: la basilica di Sant’Agostino, il Pantheon, la chiesa della Minerva, il tempio di Adriano. Gran finale, il Colosseo Quadrato all’Eur si trasformerà in un imponente mapping architettonico, con l’estro hi-tech di Laszlo Bordos, mentre il Palazzo dei Congressi accoglierà una maratona di videomusic.

La moda è co-protagonista con Gucci, Bulgari, Fendi. Arriva a Roma la decima edizione di Asvoff, A Shaded View on Fashion Film, il festival del cinema di moda di Diane Pernet, giornalista e blogger: tre giorni di proiezioni e un contest negli spazi di Palazzo Altemps (tra i film, tre lavori di John Malkovich).

E una giuria molto glam tra attrici e youtuber (vedi Rila Fukushima, Pam Hogg, Cuba Tornado Scott). Ancora videoarte e la sfida del 48 hour film project Italia (girare un corto in 48 ore) progetto curato dall’associazione Bestevem. E l’ex caserma Guido Reni diventa il tempio del cinema in 4D e realtà virtuale.

Ultimo aggiornamento: 12:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti