Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Con i Lunatici riapre il "confessionale" notturno di Radio2

Con i Lunatici riapre il "confessionale" notturno di Radio2
di Giampiero Valenza
2 Minuti di Lettura
Sabato 21 Settembre 2019, 21:57
La notte la radio può diventare una compagnia discreta ma sempre presente. Soprattutto quando le stelle sono due, Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, che hanno riaperto i battenti dei Lunatici, il ‘confessionale’ di Radio 2 Rai.

Attualità, musica, politica, grandi ospiti: tutto questo è nel programma che va in onda dal lunedì al venerdì da mezzanotte e mezza alle 6 del mattino. La formula è tutta particolare (ed è valsa loro il premio Biagio Agnes per le radio) e prevede una forte interazione del ‘popolo della notte’ che può chiamare lo 06.3131 per intervenire e porre quesiti.

Probabilmente complice anche l’orario notturno che offre a tutto un’atmosfera più intima, i Lunatici permettono agli intervistati di potersi aprire e raccontare dettagli della loro vita e del loro lavoro. E così, tra gli ultimi passati nel loro ‘confessionale’ ci sono stati Alena Seredova che ha raccontato del suo amore con Gianluigi Buffon o il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti che ha aggiornato sullo stato dei lavori di ricostruzione del Ponte Morandi. O come Morgan, che ha raccontato del suo "sfratto". "La mia casa è stata svenduta a 200.000 euro quando ha come valore di mercato 700.000 euro - ha raccontato ad Arduini e Di Ciancio - E’ stata comprata da un maniaco che ha voluto la mia casa perché è un mitomane. Mi hanno portato fuori dalla mia casa con le armi. Io piango, ho tutto lì, tutti i miei progetti. Io stavo sempre in casa a studiare, non sono uno come J Ax o Fedez.  Ora sono in uno sgabuzzino a china town a Milano con un sacco di insetti. Non sto più lavorando, prima facevo un sacco di cose, ora non faccio più niente". 
© RIPRODUZIONE RISERVATA