Libri per bambini e ragazzi contano il 39% di export

Lunedì 1 Aprile 2019
La Fiera del libro per ragazzi a Bologna
I libri per bambini e ragazzi sono il secondo segmento di maggior peso, per fatturato, del mercato di varia, dopo la fiction, e il primo per l’export dei diritti con il 39% dei diritti italiani venduti complessivamente dal nostro Paese. È il ritratto che viene fuori dai dati elaborati dall’Ufficio Studi dell’Associazione Italiana Editori (Aie), presentati oggi, in apertura della Fiera internazionale del libro per ragazzi di Bologna.

Il settore nel 2018 vale complessivamente 235,8 milioni di euro (escluso Amazon - stima Aie), con una leggera contrazione dell’1% rispetto all’anno precedente. L’effervescenza nel mercato si coglie dalla crescita della produzione di nuovi titoli e anche dai dati di lettura. Nella fascia di età 0-14 anni la propensione a leggere è infatti molto più elevata della media: in base all’Osservatorio Aie sulla lettura e i consumi culturali, legge l’82% dei bambini e ragazzi, contro il 60% della popolazione italiana. Alla Fiera internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna torna per il nono anno consecutivo “Facce da Libri in città”: la serie di incontri nelle biblioteche di Bologna, fino al 3 aprile, che coinvolgerà oltre mille studenti di 20 istituti della città tra materne, primarie e secondarie di primo grado, al lavoro sui libri di 15 marchi editoriali in 10 biblioteche di Bologna. Ventuno gli incontri di cui due legati ai temi dell’amicizia e dell’avventura. «L’Associazione Italiana Editori è al fianco della Fiera del Libro per Ragazzi con azioni concrete per valorizzare la grande ricchezza di questo settore. È sempre più forte l’apprezzamento internazionale verso il lavoro degli editori italiani per ragazzi e l’appuntamento di Bologna è il luogo privilegiato per la nascita e lo sviluppo di nuove opportunità di confronto» ha sottolineato la responsabile del Gruppo Editori per Ragazzi di Aie, Beatrice Fini.  © RIPRODUZIONE RISERVATA