Terza colonna di San Marco, a ottobre via alle ricerche nei fondali di Venezia

Venerdì 22 Giugno 2018
Caccia al tesoro notturna a Venezia: cominceranno a ottobre e saranno svolte solo al calar del sole per non ostacolare la navigazione le ricerche della terza colonna di San Marco. Secondo la leggenda doveva essere eretta insieme alle due tuttora esistenti ma affondò nel 1172. Il via libera ai lavori è stato dato dalla conferenza dei servizi che ha approvato il progetto con il placet della Sovrintendenza. Per le ricerche, progettate da due anni, sarà effettuata una sorta di Tac acquatica che eviterà gli scavi. Attraverso degli aghi collegati a cavi multi-elettronici sarà effettuata una fotografia dell'area fino a 10 metri di profondità alla scopo di trovare la gemella delle colonne di Todaro e San Marco, che era stata dedicata al Doge e che avrebbe dovuto essere posizionata nel mezzo.

Per compiere l'opera di scandaglio serviranno sei mesi durante i quali la Morgan, la società specializzata in indagini geofisiche, effettuerà studi archeologici e mappature. Un totem-container sarà posizionato sotto il ponte della Paglia per descrivere l'intervento e depositare gli oggetti di cantiere. L'area che sarà perlustrata sarà di 7mila metri quadrati, metà a terra e metà in acqua, attraverso piccoli cantieri itineranti.



  Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 18:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Un film per ricordare Angelo

di Marco Pasqua