Dal 26 dicembre al 2 gennaio “Capri, Hollywood - The International Film Festival” sull'isola azzurra

Nick Nolte
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Dicembre 2018, 16:43

Le star del grande schermo arrivano sull'isola azzurra. Nick Nolte, Joely Richardson, Greta Scacchi, Marcello Fonte, assieme a Jonathan Pryce, Terry Gilliam, Eli Roth, Amos Gitai, Matteo Garrone e Mario Martone, sono tra i protagonisti del 23esimo Capri, Hollywood - The International Film Festival (dal 26 dicembre al 2 gennaio). La rassegna che prevede 90 proiezioni gratuite, incontri e mostre, presieduta dal regista americano Lee Daniels e dall'israeliana Noa, è prodotta da Pascal Vicedomini con l'Istituto Capri nel mondo. Tra i titoli attesi Vice di Adam McKay con Christian Bale (anteprima europea 27 dicembre) già candidato a 6 Golden Globes e tra i grandi favoriti all'Oscar 2019. In apertura consegna del Master of Cinematic Art Award a Martone (per “Capri-Revolution).

La famiglia Fantastichini ritirerà un riconoscimento alla memoria di Ennio voluto dal Nuovo Imaie. I Legend Award vanno all'inglese Pryce (
The Wife) e all' americano Nick Nolte. Il tedesco Til Schweiger è film-maker Europeo del 2018; European Movie 2018 è Dogman di Garrone, con premio a Marcello Fonte. Producer Award all'americano Bradley Fischer artefice del Suspiria di Luca Guadagnino e di Il Mistero della casa del tempo di Eli Roth. Premi alla Carriera a Amos Gitai, Ugo Pagliai, Paola Gassman, Ivano Marescotti e Monica Guerritore. Il Peace Award va alla Banda del corpo nazionale dei Vigili del fuoco che aprirà il festival in piazzetta con il presidente onorario Tony Renis. Tra i giovani alla ribalta gli inglesi Frederick Schmidt (Mission Impossible Fallout) e Lashana Lynch. Rivelazioni sono Damiano e Fabio d'Innocenzo (La Terra dell'abbastanza) il Working Artist Award va a Andrea De Sica per la Serie Netflix Baby e a Pina Turco (Il vizio della speranza). Serie Tv dell'anno è L'Amica Geniale.

Tra i film anteprime italiane di
Eight Grade di Bo Burnham, White Boy Rick di Yann Demange, Le Jeu di Fred Cavayé, Her Smell di Alex Ross Perry, Welcome Home di George Ratliff, The Bouncer di Julien Leclercq, Head Full Of Honey di Til Schweiger, Capharnaum di Nadine Labaki. Tra le tante proiezioni speciali, Roma di Alfonso Cuaron, Suspiria di Guadagnino, The Aspern Papers” di Julien Landais, Green Book di Peter Farrelly, Can You Ever Forgive Me di Marielle Heller.

© RIPRODUZIONE RISERVATA