LightSail 2, la vela solare dello spessore di un capello che vuole raggiungere le stelle Video

Mercoledì 26 Giugno 2019 di Enzo Vitale

LightSail 2, ovvero il foglio che vuole diventare una vela solare per raggiungere le stelle più vicine al nostro Sistema Solare.
Un sogno? Per ora sì, ma con l'ennesimo lancio della Space X di Elon Musk, il  Falcon Heavy, oltre a portare in orbita 24 piccoli satelliti, ha dato un passaggio anche alla già citata LightSail 2, la sottilissima vela solare (ha uno spessore inferiore a quello di un capello umano) che dovrà dimostrare la fattibilità della propulsione basata sulla luce del Sole.
Il fogliettino, una volta dispiegato,  avrà una superficie di ben venti metri quadrati e lo scopo dell'impresa è ben definito: sviluppare un sistema di propulsione veloce per raggiungere distanze di decine di anni luce in tempi compatibili con una vita umana.

PLANETARY SOCIETY
«Per secoli l'uomo ha sognato di viaggiare nel cosmo usando vele solari. Nel 2019, LightSail 2 della Planetary Society contribuirà a trasformare quel sogno in realtà tentando il primo volo controllato di una vela solare nell'orbita terrestre», lo hanno scritto nero su bianco proprio i responsabili dell'organizzazione americana il cui progetto è stato finanziato dai cittadini attraverso il crowdfunding, un progetto realizzato attraverso le donazioni..


(Il video della Planetary Society)

IL PROGETTO BREAKTHROUGH STARSHOT
Si tratta di un progetto che consentirà di affrontare un viaggio di 4,3 anni luce, più o meno 25 miliardi di miglia, in soli 20 anni. L'obiettivo è la stella più vicina a noi: Proxima Centauri. Breakthrough Starshot, questo il nome del progetto, è stato presentato nell'aprile di tre anni fa dall'astrofisico britannico Stephen Hawking, insieme al miliardario e filantropo russo Yuri Milner e a Mark Zuckerberg, fondatore e Ceo di Facebook.


(La vela solare prima della partenza negli hangar della Planetary Society)

La vela solare della Planetary Society è contenuta all'interno della cosiddetta Prox-1, una scatola dorata grande come una valigia. Tra qualche giorno, dopo che il razzo usa e riutilizza di Elon Musk lo avrà portato nello spazio, il foglio sarà rilasciato attraverso una fessura per poi diventare, finalmente, una vela solare di 20 metri.


Prox-1, la scatola dorata che contiene la vela solare in mano a Bill Nye, Ceo della Planetary Society

enzo.vitale@ilmessaggero.it
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma