Vaccini, da oggi a New York somministrazioni a chi ha 30 anni. Dal 6 aprile via libera anche agli over 16

Vaccini, da oggi a New York somministrazioni a chi ha 30 anni. Dal 6 aprile via libera anche agli over 16
3 Minuti di Lettura
Martedì 30 Marzo 2021, 08:52 - Ultimo aggiornamento: 18:18

Da oggi, 30 marzo, New York amplierà le categorie per il vaccino Covid-19 alle persone di età pari o superiore a 30 anni e lo renderà disponibile a chiunque abbia almeno 16 anni il 6 aprile: lo ha annunciato il governatore Andrew Cuomo. New York, che la scorsa settimana ha abbassato l'età di ammissibilità per i vaccini a 50 anni, è stato uno dei pochi Stati a non aver fissato una data concreta per l'ammissibilità universale da quando il presidente Joe Biden ha chiesto di raggiungere tale obiettivo entro il 1° maggio.

Vaccino, Cile diventa primo al mondo per numero di immunizzati: vaccinate 4.200.000 persone, battuto anche Israele

La mossa arriva in mezzo a un'ondata di casi Covid-19 a New York e nel vicino New Jersey, che ora si classificano al primo e secondo posto nelle nuove infezioni pro capite tra tutti i 50 Stati, sottolineando quindi la necessità di vaccinare il più rapidamente possibile.

Biden ha detto che il 90% di tutti gli adulti negli Stati Uniti sarà idoneo alla vaccinazione entro il 19 aprile. «Oggi facciamo un passo avanti enorme nella lotta per battere la pandemia», ha detto Cuomo. «Possiamo vedere la luce alla fine del tunnel, ma fino a quando non ci arriviamo è più importante che mai per ogni newyorkese indossare una mascherina, distanziarsi socialmente e seguire tutte le linee guida di sicurezza».

Vacanze, estate in mascherina ma via il coprifuoco. Resta lo stop alle discoteche

Aiutato dalle forniture del vaccino monodose di Johnson & Johnson, il governo degli Stati Uniti ha attivato l'acceleratore sulle spedizioni, consentendo agli Stati di terminare le vaccinazioni di gruppi prioritari e di aprire i vaccini a tutti gli adulti nelle prossime settimane.

Vaccino, a New York iniezioni anche di notte: ecco perché l'America corre

Funzionari di più di una mezza dozzina di Stati, tra cui Vermont, Idaho e New Jersey, hanno detto alla Reuters che l'aumento delle spedizioni di vaccini consentirà loro di accelerare gli sforzi per vaccinare gli anziani e i lavoratori in prima linea e, in alcuni casi, di aprire le somministrazioni a tutti i residenti adulti prima del previsto. New York, il quarto Stato più popoloso del paese, ha finora somministrato più di 9 milioni di dosi totali di vaccino, con il 30% della sua popolazione che ha ricevuto almeno una dose.

Covid, l'origine del virus secondo l'Oms: «Molto probabile sia passato da animale a uomo»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA