Variante inglese: i bambini più colpiti dal Covid. Ecco cosa dice lo studio di Londra

Variante inglese: i bambini più colpiti dal Covid. Ecco cosa dice lo studio di Londra
di Stefania Piras
5 Minuti di Lettura
Domenica 3 Gennaio 2021, 00:58 - Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 16:05

La nuova variante SARS-CoV-2 (variante inglese) è in rapida crescita, è più trasmissibile di altre varianti e interessa una quota maggiore di persone sotto i 20 anni. E questo, potrebbe essere successo perché il picco della nuova variante (New variant of concern, la chiamano gli inglesi) ha coinciso con le scuole aperte. Lo dice uno studio dell'Imperial College di Londra. I ricercatori hanno scoperto che la nuova variante ha un vantaggio di trasmissione da 0,4 a 0,7 in numero di riproduzione rispetto al ceppo osservato in precedenza. I risultati sono forniti in un rapporto redatto da un team collaborativo dell'Imperial College di Londra, dell'Università di Edimburgo, della Public Health England (PHE), del Wellcome Sanger Institute, dell'Università di Birmingham e del COVID-19 Genomics UK (COG-UK) Consortium+.

È un rapporto che suggerisce molta prudenza sulla riapertura delle scuole a gennaio: gli scienziati sollevano palesemente dubbi sull'opportunità di tale scelta mettendo in fila una serie di dati, primo fra i quali la diffusione di questa variante soprattutto tra i minori di 20 anni. Lo studio ha confrontato campioni del virus mutato prelevati da quasi 2.000 persone nel Regno Unito con altri 84.000 prelevati da persone con altre varianti. E ha rilevato che la variante inglese (B117, il sistema sanitario inglese l'ha denominata VOC, New Variant of Concern, letteralmente: Nuova variante di preoccupazione, da attenzionare, ndr) ha una contagiosità maggiore nonostante il lockdown di novembre che ha lavorato per abbassare i tassi del ceppo originale del coronavirus, ma  ha fatto poco per sopprimere la diffusione del ceppo mutato in Inghilterra. 

C'è già chi problematizza la situazione degli Stati Uniti: se la nuova variante del virus infatti diventasse dominante negli Stati Uniti (per ora è stata isolata in Colorado, California e Florida) potrebbe far aumentare le trasmissioni e i casi di circa il 48%.

Cosa hanno scoperto i ricercatori britannici

Il team ha valutato la relazione tra la trasmissione e la frequenza della nuova variante tra le regioni del Regno Unito nel corso del tempo. Analizzando la prevalenza del genoma intero di diverse varianti genetiche nel tempo e la dinamica dei processi epidemiologici, i ricercatori hanno dimostrato che questa variante è in rapida crescita. Vi è un consenso tra tutte le analisi, si legge sul sito dell'Imperal college, che la nuova variante ha un sostanziale vantaggio di trasmissione (maggiore trasmissione rispetto alle varianti non VOC). Questi livelli di infezione più elevati si sono verificati, sottolinea il rapporto, nonostante gli alti livelli di distanza sociale in Inghilterra. 

I più colpiti hanno meno di 20 anni

Lo studio rileva che gli individui di età inferiore ai 20 anni costituiscono una percentuale maggiore di casi di nuova variante rispetto alle altre varianti. Tuttavia, secondo i ricercatori è troppo presto per determinare il meccanismo alla base di questo cambiamento. Essi spiegano che potrebbe essere stato in parte influenzato dalle varianti diffuse in coincidenza con un periodo in cui l'isolamento era in vigore ma le scuole erano aperte. Sono in corso ulteriori ricerche sulla natura specifica di eventuali cambiamenti nel modo in cui il virus colpisce questa fascia d'età.

Covid, scuole, no alle riaperture il 7 gennaio per Lopalco: «Ancora troppo rischioso mandare i ragazzi in aula»

Scuole, la riapertura del 7 gennaio in bilico. Bonaccini: «Governo ci riconvochi»

Cosa dicono i ricercatori

Il dottor Erik Volz dell'Imperial College di Londra, ha detto: «Tutti i virus si evolvono, e molto raramente un virus cambia in un modo che richiede una rivalutazione della politica di salute pubblica. Troviamo prove schiaccianti di un cambiamento nella trasmissibilità della variante B.1.1.7 che dovrebbe essere presa in considerazione nella pianificazione della nostra risposta COVID-19 nel nuovo anno».

Il Prof. Neil Ferguson dell'Imperial College di Londra, ha dichiarato: «Queste analisi, che hanno informato la pianificazione del governo britannico nelle ultime settimane, mostrano che la nuova variante (VOC), B.1.1.7, ha una trasmissibilità sostanzialmente più elevata rispetto ai precedenti virus SARS-CoV-2 circolanti nel Regno Unito. Questo renderà il controllo più difficile e accentuerà l'urgenza di effettuare la vaccinazione il più rapidamente possibile».

Il Prof. Axel Gandy dell'Imperial College di Londra, ha detto: «Fino a quando una percentuale molto alta della popolazione non sarà stata vaccinata, sono necessarie forti misure di distanziamento sociale per controllare questa variante più trasmissibile di COVID-19. Tutti quelli che possono essere vaccinati dovrebbero essere vaccinati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA