CORONAVIRUS

Vaccino Covid, Oms: disponibile per tutti non prima di metà 2021. Lancet: «Quello russo funziona»

Venerdì 4 Settembre 2020
Vaccino Covid, Oms: disponibile per tutti non prima di metà 2021. Lancet: «Quello russo funziona»

Per un vaccino disponibile per tutti dovremo aspettare metà 2021. A dirlo è l'Oms dopo che ieri la Commissione Ue ha fatto sapere che un vaccino per le categorie più a rischio (a partire dai sanitari) potrebbe essere disponibile già a novembre. Intanto la rivista Lancet ha pubblicato i primi dati sul vaccino russo Sputnik: secondo quanto riportato dal gruppo di Denis Logunov, dell'Istituto nazionale di ricerca epidemiologica Gamaleya di Mosca, il vaccino avrebbe prodotto una risposta immunitaria in tutti i 76 volontari, adulti sani tra i 18 e 60 anni, coinvolti nelle fasi 1 e 2 della sperimentazione. I risultati, riferiti a due studi condotti tra il 18 giugno e 3 agosto, mostrano che il 100% dei partecipanti ha sviluppato anticorpi contro il virus SarsCov2, senza avere gravi effetti collaterali.

LEGGI ANCHE Scuola e mascherine, il Cts: «Vanno bene anche di stoffa»

«Non ci aspettiamo di vedere una vaccinazione diffusa fino alla metà del prossimo anno», ha detto la portavoce dell'Oms, Margaret Harris, in un briefing alla stampa sul coronavirus a Ginevra, ripreso dal Guardian. «Questa fase 3 richiede più tempo perché dobbiamo vedere quanto il vaccino sia veramente protettivo e quanto sia sicuro», ha spiegato riferendosi agli studi clinici in corso.

LEGGI ANCHE Covid, lo studio choc: «A dicembre fino a 30mila morti al giorno nel mondo»
 

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA