Covid, il rapporto sempre più stretto tra ambasciata israeliana e Regione Liguria

Savona, l'ambasciata israeliana regala un lavandino intelligente all'ASL 2
3 Minuti di Lettura

L’Oms ha sempre sottolineato come il lavaggio delle mani può essere la misura preventiva più efficace contro la diffusione del Covid. L’Ambasciata d’Israele in Italia ha voluto, a tal proposito, donare due dispositivi per il lavaggio delle mani della start-up israeliana Soapy Care all’ASL 2 della Regione Liguria. Alla cerimonia presso l’Ospedale San Paolo di Savona, hanno preso parte una delegazione dell’Ambasciata, i dirigenti dell’ASL 2 e le autorità politiche regionali, provinciali e locali.

Il dispositivo donato, “Soapy”, è un lavandino intelligente connesso all’Internet of Things e potenziato dall’intelligenza artificiale che assicura correttezza, efficienza ed ecosostenibilità del lavaggio delle mani. Soapy eroga il quantitativo necessario di acqua e detergente e garantisce un risparmio di acqua fino al 95%, di reagenti fino al 60% e di elettricità fino al 95%. Inoltre è in grado di monitorare quanto i lavaggi siano adeguati.

Covid Lazio, bollettino oggi 28 aprile: 1.078 casi positivi (+139), 32 i decessi (-2). A Roma 402 contagiati

Durante l'incontro l’Ambasciatore Eydar ha illustrato i positivi risultati della campagna vaccinale israeliana, ha parlato di condivisione con l’Italia degli ultimi studi sull’efficacia del vaccino anti-Covid e della nascita di un "Pass Verde" per viaggiare fra i due paesi.

Covid, il bollettino della Asl: tornano a salire i contagi, oggi arrivati a 75 casi

Sulla solidità della cooperazione Italia-Israele tanto a livello nazionale quanto a livello regionale si è soffermato anche il Consigliere regionale Vaccarezza: «È una giornata importante, ringrazio di cuore l'Ambasciatore Dror Eydar per essere qui e per il suo gesto di grande generosità e altissima sensibilità». 

Covid, la variante indiana spaventa l'Europa. L'India è in ginocchio

Mercoledì 28 Aprile 2021, 17:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA