​Zecche, i pericoli per l'uomo: le malattie che trasmettono, cosa fare se ti mordono e come rimuoverle senza rischi

Zecche, i pericoli per l'uomo: le malattie che trasmette, cosa fare se ti morde e come rimuoverla senza rischi
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Giugno 2021, 18:59 - Ultimo aggiornamento: 20:49

L'estate si porta dietro con sé i rischi degli insetti, in particolare le zecche: i pericoli per l'uomo, come rimuoverle se vieni punto e come evitarlo. Con l'aumento del caldo, aumenta il rischio di essere morsi da una zecca, parassita grande 1 centimetro, che può fare da vettore a varie malattie per l'uomo, tra cui l'encefalite da zecca e malattia di Lyme (trasmesse principalmente dalla zecca dei boschi), la rickettsiosi (trasmessa principalmente dalla zecca del cane), la febbre ricorrente da zecche, la tularemia, la meningoencefalite da zecche e l'ehrlichiosi. A fare il punto è l'Istituto superiore di sanità (Iss) sul sito Epicentro.

Zecche scatenate d'estate, ecco perché sono un problema per gli uomini (oltre che per i cani)

Zecche, i rischi per l'uomo

Nel mondo si conoscono 900 specie di zecche, di cui 36 in Italia, dove le più diffuse sono la Izecca dei boschi, la zecca del cane), la Hyalomma marginatum e Dermacentor reticulatus. La loro attività si concentra nei mesi caldi per rimanere attive fino all'autunno, anche se i cambiamenti climatici in atto possono far variare il loro periodo di attività. La zecca dei boschi prospera con un clima fresco e umido, mentre quella del cane un clima caldo e asciutto. Stalle, ricoveri di animali e pascoli sono tra i loro ambienti preferiti.

Caldo bollente, allerta in tutta Italia: verso i 40 gradi al Sud. E arrivano i temporali estivi: rischio grandine

Cosa fare per non essere punto

Per ridurre la possibilità di venire a contatto con le zecche o individuarle rapidamente, prima che possano trasmettere una malattia, è consigliato indossare abiti chiari, coprire le estremità, soprattutto inferiori, con calze chiare (meglio stivali), utilizzare pantaloni lunghi e preferibilmente un cappello, evitare di strusciare l'erba lungo il margine dei sentieri, non addentrarsi nelle zone in cui l'erba è alta, e controllarsi la pelle al termine di un'escursione. Tendono a localizzarsi su testa, collo, dietro le ginocchia, e sui fianchi. Esistono inoltre repellenti per insetti e zecche.

Meteo, caldo africano sull'Italia: malori al Centro-Sud, molti ricoveri. Il fenomeno del cielo giallo

Come rimuoverla

Se se ne trova una sulla pelle, va subito rimossa. Ma per farlo, precisa l'Iss, non vanno mai usati alcol, benzina, acetone, trielina, ammoniaca, olio o grassi, né oggetti arroventati, fiammiferi o sigarette. Va invece afferrata con una pinzetta a punte sottili, il più possibile vicino alla superficie della pelle, e rimossa tirando dolcemente cercando di imprimere un leggero movimento di rotazione.

Zanzare, dovremmo conviverci anche in inverno

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA