Johnson & Johnson, 4 trombosi negli Usa: «Nessun legame». Ema avvia la revisione

Johnson & Johnson, malori per 18 pazienti, 4 trombosi negli Usa: Ema avvia la revisione
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Aprile 2021, 12:48 - Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 00:47

Sospese le vaccinazioni Johnson & Johnson nella Carolina del Nord negli Stati Uniti, dopo che 18 persone hanno avuto «reazioni avverse» e quattro sono state ricoverate in ospedale. «Le reazioni che le persone hanno riscontrato sono coerenti con i noti effetti collaterali comuni derivanti dalla somministrazione del vaccino» hanno detto i funzionari della contea di Wake in una dichiarazione sulle reazioni avverse alla Pnc Arena di Raleigh. Il sito ha smesso di somministrare il vaccino di J&J per tutta la giornata "a scopo precauzionale".

Nessun legame provato è stato rinvenuto fra il vaccino Johnson & Johnson e le trombosi. Lo affermano le autorità americane, secondo quanto riportato nella tarda sera italiana dai media Usa.

 

L'Ema, comunque, ha avviato «una revisione per valutare segnalazioni di eventi tromboemboli»Si legge in una nota dell'Ema.

 

Bugiardini AstraZeneca, J&J, Moderna e Pfizer: ecco tutte le differenze fra i quattro vaccini

In generale, si pensa che il vaccino Johnson & Johnson abbia effetti collaterali più lieve rispetto ai vaccini prodotti da Pfizer e Moderna. All'inizio di questa settimana, 15 milioni di dosi sono state eliminate perché uno stabilimento di produzione a Baltimora, nel Maryland, utilizzava un ingrediente destinato al vaccino di AstraZeneca - che all'epoca stava anche producendo.

Funzionari statunitensi hanno assicurato agli americani che le spedizioni del vaccino di Johnson & Johnson spedite questa settimana non sono state influenzate, tuttavia un rapporto del New York Times della scorsa settimana ha rivelato che i lavoratori di una struttura di Emergent BioSolutions a Baltimora, che ha prodotto entrambe le dosi di AstraZeneca Plc e J&J, hanno mescolato gli ingredienti dei due vaccini, rovinando 15 milioni di dosi di J&J. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA