Covid, dall'epilessia alla memoria le minacce per il sistema nervoso (effetti anche a lungo termine)

Covid, dall'epilessia alla memoria le minacce per il sistema nervoso (effetti anche a lungo termine)
4 Minuti di Lettura
Domenica 14 Marzo 2021, 20:24 - Ultimo aggiornamento: 20:25

Il coronavirus è una minaccia per il sistema nervosoDa mal di testa, mancanza di olfatto e disturbi della memoria, fino a encefaliti, ictus e crisi epilettiche: gli effetti del Covid sul sistema nervoso sono ormai confermati da centinaia di studi e costituiscono una delle principali sfide per la salute pubblica, non solo per gli effetti acuti sul cervello, ma anche per i possibili danni a lungo termine. A lanciare l'allarme su quello che gli esperti chiamano NeuroCovid è la Società Italiana di Neurologia (Sin), in vista della Settimana del Mondiale del Cervello che si tiene dal 15 al 21 marzo.

Covid, i vaccinati cosa devono fare? No ad abbracci e feste, sì alle mascherine in alcuni casi: le regole Cdc

Gli effetti

Le prime evidenze delle conseguenze neurologiche del Sars-CoV-2 arrivarono dagli ospedali di Wuhan già a febbraio marzo 2020 e da allora molti lavori sono stati prodotti in tutto il mondo, incluso quello che ha esaminato 1.760 pazienti Covid ricoverati a Bergamo, epicentro della prima ondata, nei quali si sono osservati 137 casi (l'8%) di complicanze neurologiche severe, in prevalenza ictus ischemici. I meccanismi sono diversi: in minima parte possono essere legati alla penetrazione del virus nel cervello (attraverso il sangue o tramite i nervi cranici), mentre nella maggior parte dei casi sono legati ad alterazioni della coagulazione innescate dal danno prodotto dal virus all'epitelio che riveste le pareti dei vasi sanguigni, o, ancora, a una abnorme attivazione del sistema infiammatorio ed immunologico.

Bollettino Coronavirus oggi 14 marzo 2021: 21.315 casi e 264 morti. Tasso positività al 7,8%. Lombardia, Emilia, Campania, Piemonte e Lazio in testa

La dichiarazione

La Sin, spiega il presidente Gioacchino Tedeschi, «sta portando avanti progetti di ricerca e studi clinici per indagare in maniera approfondita su questo legame, anche per mettere a punto protocolli clinici che aiutino a intervenire tempestivamente». Uno di questi studi è quello avviato dall'Università di Milano-Bicocca, l'Università di Milano e l'Istituto Auxologico di Milano, che vede la partecipazione di 50 Neurologie italiane. Tali centri, spiega Carlo Ferrarese, direttore del Centro di Neuroscienze della Bicocca, «stanno registrando tutte le possibili complicanze neurologiche insorte sia nei pazienti ospedalizzati nella fase acuta della malattia, che nei pazienti trattati a domicilio che verranno inoltre seguiti a distanza di 3 e 6 mesi, per documentare l'evoluzione della complicanza neurologica fino a dicembre».

Long Covid, quel malessere continuo che mette ko i negativizzati

Il Long Covid

Uno degli aspetti più dibattuti riguarda i sintomi neurologici persistenti e noti come Long Covid, come evidenzia lo studio Covid-Next, in corso di pubblicazione. Su 165 pazienti ricoverati a Brescia con Covid medio grave, sottolinea il direttore della Clinica Neurologica Alessandro Padovani, «il 70% riferisce disturbi neurologici a distanza di 6 mesi dalla dimissione. Tra i sintomi più riportati vi sono stanchezza cronica (34%), disturbi di memoria e concentrazione (32%), disturbi del sonno (31%), dolori muscolari (30%), disturbi della vista e testa vuota (20%). Inoltre, disturbi depressivi o ansiosi sono presenti in oltre il 27% del campione».

Italia sempre più rossa nelle mappe Ecdc

Questo però, precisa Padovani, «può essere anche dovuto al fatto che il Covid renda latenti sindromi autoimmuni in persone che non avevano ancora sintomi. Inoltre, pesa l'effetto della sindrome da stress post traumatico». Manifestazioni simili, conclude Paolo Calabresi, direttore della Neurologia del Policlinico Gemelli di Roma, «potrebbero essere presenti anche in pazienti che non hanno mostrato sintomi neurologici nella fase acuta e richiedono un'attenta sorveglianza epidemiologica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA