Zangrillo: «Curare tutti, se capita anche chi ha il Covid». La nuova polemica

Zangrillo: «Curare tutti, se capita anche chi ha il Covid». La nuova polemica
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 09:37

«Se capita, curiamo anche il #COVID19. #CurareTutti». Firmato (su Twitter) Alberto Zangrillo. Il prorettore dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano e direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva dell'Irccs ospedale San Raffaele, allega anche un grafico sugli accessi e i ricoveri per Covid al suo pronto soccorso. 

Zangrillo da tempo mantiene una posizione polemica sulla gestione della pandemia: dal «virus clinicamente morto» alle foto postate di pazienti non vaccinati. I social reagiscono e replicano. In questo caso, sul «curare tutti», le risposte sono moltissime. «Solo ipotizzare che ci siano differenze fra malati, di qualunque cosa siano malati, mostra il livello infimo a cui siamo arrivati nella sanità pubblica. Fate il vostro lavoro e tacete», scrive La Cinica

Nuova variante Covid scoperta dagli scienziati in Sudafrica: «Ad oggi la più mutata e trasmissibile»

Caleb Wallace, no vax e leader della protesta no mask prende il Covid e muore: provò a curarsi a casa con l'Ivermectina

«Il suo ospedale, per quanto importante e prestigioso, non è l'unico al mondo. Chieda ai suoi colleghi dell'ospedale Cervello di Palermo se la situazione è la stessa. Chieda agli ospedali in Florida. Lei continua a essere colui che ha definito il Virus clinicamente morto...», replica Edoardo. E ancora. «Fanno piacere 1: la notizia, 2:i numeri dei gravi. Ma la categoria rilevante è quella degli 11 verdi al pronto soccorso che credo siano il vero problema. Domanda: dove sono i medici di base? Perché si intasano i pronto soccorso? Perché temo che a novembre i numeri saranno altri», il tweet di Barbara. 

«Curare tutti è una cosa ovvia !!! Visto non solo il giuramento (ma a quanto pare molti ci si puliscono le scarpe) ma soprattutto , visto che le tasse le paghiamo tutti! E non solo i vaccinati», scrive poi Roberto. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA