Variante indiana, Oms: «Presente in almeno 17 Paesi nel mondo. Più frequenza anche in Italia»

Variante indiana, Oms: «Presente in almeno 17 Paesi nel mondo. Più frequenza anche in Italia»
2 Minuti di Lettura

India, Stati Uniti, Regno Unito e Singapore. Ma anche in Belgio, Svizzera, Grecia e Italia. Sono almeno 17 i Paesi nel mondo in cui è sbarcata la variante cosiddetta indiana del virus del Covid-19. L'elenco degli stati in cui è stata sequenziata è stato rilevato dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel suo bollettino settimanale sulla pandemia.

Variante indiana, due mutazioni nel mirino degli scienziati. «Le studiamo per capire se sono connesse»

La mutazione del virus che sta flagellando con un impeto finora sconosciuto l'India, detta anche variante B.1.617, è stata rilevata in oltre 1.200 sequenziamenti caricati sulla banca dati internazionale Gisaid, ricorda l'Oms. I Paesi dove è stata rilevata con più frequenza sono dunque, India, Stati Uniti, Regno Unito e Singapore. ma anche in Belgio, Svizzera, Grecia e Italia.

La variante

La variante B.1.617, che ha una serie di «sub-varianti» è stata classificata finora come mutazione «di interesse» ma non ancora «preoccupante», che l'etichetterebbero come più pericolosa del virus originale in quanto più contagiosa, più letale o resistente ai vaccini.

 

Mercoledì 28 Aprile 2021, 10:54 - Ultimo aggiornamento: 15:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA