Vaccini, Lombardia prima regione italiana a raggiungere l'80% del ciclo completo

Vaccini, Lombardia prima regione italiana a raggiungere l'80% del ciclo completo
4 Minuti di Lettura
Martedì 14 Settembre 2021, 11:42 - Ultimo aggiornamento: 20:01

«Oggi la Lombardia raggiunge l'obiettivo fissato da Figliuolo dell'80% della propria popolazione con più di 12 anni con vaccinazione completa. Siamo la prima regione ad arrivare a questo traguardo. Grazie a tutti gli operatori e ai cittadini lombardi. Vacciniamoci, proteggiamoci». Lo scrive sui social Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia. «Vaccinazioni, che traguardo per la Lombardia!», ribadisce la vicepresidente, invece su Facebook, che aggiunge: «Proseguono intanto le adesioni che nella nostra Regione hanno toccato la media dell'87%, con punte del 96% (per gli over 80), del 93% per gli over 60 e del 82% per la fascia tra i 12 e 29 anni».

Nonna Cannella non è vaccinata: contagiata dal Covid a 104 anni, il caso a Teramo

«Vaccini efficaci con due dosi, non c'è bisogno della terza»: il nuovo studio su Lancet

«Siamo vicini all'80 per cento dei vaccinati nel Lazio e saremo la prima Regione a garantire una vera immunità di gregge ma non ci fermiamo. Dobbiamo continuare a impegnarci per superare questa soglia e tornare a essere liberi», aveva detto pochi giorni fa il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Una sorta di "guerra" dei numeri. «Oggi nel Lazio 4 milioni di cittadini hanno completato la vaccinazione: siamo sulla strada giusta - aveva spiegato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato - con lo sport vogliamo lanciare un grande messaggio Continuiamo lungo questa strada con serenità e grande determinazione questa è una guerra dura ma alla fine vinceremo noi».

TERZA DOSE - «Dal 20 o 21 settembre saremo pronti ad iniziare questa terza fase, rispettando le indicazioni che ci vengono da Roma di somministrare prima i fragili e ai pluripatologici. Se poi sarà necessario estenderlo a tutta la popolazione, siamo pronti», ha spiegati poi il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo alla trasmissione Morning News su Canale 5.

 

«Si inizierà - si legge in una nota della direzione Welfare di Regione Lombardia - dai pazienti trapiantati di organo solido e di cellule staminali ematopoietiche e si proseguirà con le altre categorie di pazienti immunocompromessi, come i pazienti in chemioterapia. In attesa della puntuale definizione della popolazione target da parte del Ministero della Salute, l'Unità di Crisi di Regione Lombardia ha già definito le attività e le priorità per l'elaborazione del piano operativo per la somministrazione di dosi addizionali e dosi 'booster'». «Il piano sarà condiviso con le Ats, le Asst e le rappresentanze dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta, delle farmacie», conclude la nota.

Il commento - «Bene la Lombardia, che ha raggiunto l'obiettivo della vaccinazione completa per l'80 per cento della popolazione over 12. Le Regioni, in collaborazione con la struttura commissariale del generale Figliuolo, corrono. Adesso estensione del green pass a nuovi settori per accelerare ulteriormente». Lo scrive su Twitter Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA