Novavax, il vaccino "tradizionale" che affianca quelli a mRna: come funziona e quando arriva

Il nuovo farmaco funziona come quelli in uso da decenni contro la meningite o la pertosse

Novavax, il vaccino "tradizionale" che affianca quelli a mRna: come funziona e quando arriva
di Diodato Pirone
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 16:34 - Ultimo aggiornamento: 18:14

Tra pochi giorni sarà disponibile un nuovo vaccino: il Novavax. Si tratta di un farmaco prodotto dall'omonima azienda americana che è assai diverso da quelli attualmente in uso. Il Novavax funziona in sostanza come i vaccini in uso da decenni come quelli contro la meningite o contro la pertosse. Questa caratteristica supera tutte le obiezioni (poco fondate) finora formulate contro i vaccini anti-Covid ad oggi distribuiti e cioè che alla lunga nessuno può conoscere i loro effetti.

​Vaccino Novavax, cosa cambia con Moderna e Pfizer? Qual è preferibile per la terza dose? Domande e risposte

Novavax, il vaccino "tradizionale" che affianca quelli a mRna

Già, ma come funziona il Novavax? In sintesi Novavax ha l'effetto di indurre la produzione di anti-corpi con la vecchia tecnologia delle "proteine ricombinanti". Che cosa significa? In parole povere nel Novavax sono presenti alcune decine di nano-particelle piccolissime di virus che vengono addizionate a una molecola che stimola il sistema immunitario.

 

Le differenze con Pfizer e Moderna

Il nuovo vaccino si distingue sia dai prodotti di Pfizer e Moderna, a tecnologia mRna (nei quali una particella di Dna del virus "messaggia" all'organismo umano la presenza del Covid e fa scattare le difese immunitarie), sia da quelli che utilizzano vettori virali (ovvero virus morti ma innocui per l'uomo) come l'AstraZeneca e il Johnson&Johnson. Secondo Silvio Garattini, presidente dell'Istituto Negri e decano degli esperti italiani di farmaci: «Questo vaccino è pensato per agire contro le varianti, ma non è detto che sia migliore degli altri come efficacia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA