Vaccini a base di proteine nuova frontiera per combattere il Covid? Risultati incoraggianti, presto il via libera

Il tentativo di evitare effetti collaterali, seppur rari

Vaccini a base di proteine nuova frontiera per combattere il Covid? Risultati incoraggianti della ricerca
di Francesco Padoa
10 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 11:30 - Ultimo aggiornamento: 11:54

La pandemia non accenna a dissolversi e le aziende farmaceutiche continuano la loro ricerca e gli esperimenti per individuare vaccini sempre più efficaci e adatti anche ai soggetti più fragili. Ci sono infatti miriadi di persone soggette a reazioni immunitarie acute, con problemi di circolazione sanguigna, che temono di essere immunizzate con i vaccini per ora disponibili, quelli basati sull'RNA messaggero (mRNA) e sulle tecnologie del vettore virale. 

Vaccini a base proteine, come funzionano

 

Sebbene sicuri per la maggior parte della popolazione, questi sieri possono avere effetti collaterali rari ma potenzialmente gravi, tra cui l'infiammazione del cuore e coaguli di sangue. Quindi sono milioni di persone nel mondo che attendono che le opzioni vaccinali si espanda. 

LA NUOVA FRONTIERA

All'orizzonte sta per sorgere una nuova offerta: è ormai concreto l'arrivo di un nuovo vaccino anti-Covid, attualmente al vaglio dell'Agenzia Europea del Farmaco, quello della statunitense Novavax, che promette di essere efficace  contro le varianti e che soprattutto si basa su un meccanismo ben collaudato e sicuro, in uso da 30 anni nello sviluppo di vaccini, quello delle proteine. 

Covid, in Austria il tampone non basta più: boom vaccini per evitare il lockdown. In Danimarca torna il Pass

In poche parole il vaccino della Novavax contiene una forma della proteina Spike prodotta in laboratorio con l'ingegneria genetica e poi un adiuvante per stimolare la risposta immunitaria dell'organismo. A differenza delle tecnologie relativamente nuove su cui si basano le iniezioni di mRNA e del vettore virale Covid-19, i vaccini proteici sono stati utilizzati per decenni per proteggere le persone da epatite, fuoco di Sant'Antonio e altre infezioni virali. Per suscitare una risposta immunitaria protettiva, questi vaccini forniscono proteine, insieme a adiuvanti che stimolano l'immunità, direttamente alle cellule di una persona, piuttosto che un frammento di codice genetico che le cellule devono leggere per sintetizzare le proteine ​​stesse. Novavax potrebbe essere il quinto vaccino anti-Covid autorizzato in Europa, dopo Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson. La Commissione Ue ha firmato un accordo con la casa farmaceutica statunitense per fornire ai Paesi dell’Unione fino a 200 milioni di dosi tra la fine del 2021 e i prossimi due anni. L’intesa diventerà operativa non appena il vaccino sarà giudicato «sicuro ed efficace» dall’Ema.

AUTORIZZAZIONE VICINA

I dati degli studi clinici in fase avanzata, come si legge su nature.com finora sembrano promettenti, dimostrando una forte protezione con minori effetti collaterali rispetto agli altri vaccini finora iniettati a miliardi di persone nel mondo. E l'attesa di quei milioni che temono effetti collaterali potrebbe finire presto. Dopo mesi di battute d'arresto nel controllo della qualità e ritardi nella produzione, i dirigenti della società di biotecnologie Novavax a Gaithersburg, nel Maryland, affermano di essere pronti a presentare la tanto attesa domanda dell'azienda per il loro vaccino a base di proteine ​​alle autorità di regolamentazione dei farmaci statunitensi prima della fine dell'anno. (Il 1° novembre, l'Indonesia ha concesso al vaccino dell'azienda la sua prima autorizzazione di emergenza e sono già state presentate richieste di autorizzazione alle agenzie governative in Australia, Canada, Regno Unito, Unione Europea e altrove). Allo stesso modo, le aziende, con sede a Chengdu, in Cina, e Biological E a Hyderabad, in India, sono sulla buona strada per presentare la nuova formula vaccinale presso varie autorità nazionali nelle prossime settimane e mesi.

I RITARDI

Fin dai primi giorni della pandemia, i ricercatori hanno anticipato che i progetti a base di proteine ​​sarebbero stati più lenti rispetto ad altre tecnologie di vaccini. Le aziende sanno come produrre gocce di proteine ​​purificate su larga scala, utilizzando cellule geneticamente modificate di mammiferi, insetti o microbi, ma il processo prevede molti passaggi, ognuno dei quali deve essere ottimizzato per produrre una proteina specifica. «C'è una lentezza intrinseca», afferma Christian Mandl, un ex dirigente del settore che si occupa di questioni relative allo sviluppo di vaccini. La maggior parte dei vaccini a base di proteine ​​attualmente in fase di test sono stati realizzati attorno a una versione della proteina spike del coronavirus SARS-CoV-2, che aiuta il virus a entrare nelle cellule.

 

EFFICACI...

A parte i ritardi previsti, tuttavia, alcuni produttori di vaccini hanno commesso errori, per esempio nel dosaggio, che sono costati mesi di tempo, perché hanno dovuto ripetere uno studio esplorativo per trovare la dose ottimale per i test in fase avanzata. Il loro jab a base di proteine ​​è ora in uno studio di fase 3 iniziato a fine maggio, che coinvolge migliaia di partecipanti in Africa, Asia e America Latina. In confronto, studi su larga scala condotti da Novavax e Clover hanno già fornito dati sull'efficacia. Secondo un preprint pubblicato il mese scorso, il vaccino Novavax ha offerto oltre il 90% di protezione contro il Covid sintomatico in uno studio su 30.000 persone completato all'inizio dell'anno, prima dell'arrivo della variante Delta, quando erano in circolazione solo forme più lievi del virus. Nel dettaglio, uno studio conclusivo, condotto in Gran Bretagna quando la variante Alfa era prevalente e pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha confermato un’efficacia del 96,4% contro il ceppo originario del virus, dell’86,3% contro la variante Alfa e dell’89,7% in generale. Da un’altra indagine, condotta negli Stati Uniti e in Messico, risulta il 100% di protezione contro la malattia moderata e grave e il 90,4% di efficacia totale. Altri test in Sudafrica hanno dimostrato un’efficacia di circa il 60% ma contro la variante Beta, ritenuta finora la più «cattiva» (anche se la sua diffusione è limitata). Clover ha riportato risultati di efficacia leggermente inferiori per il suo vaccino a base di proteine ​​- solo il 67% - ma quella percentuale è stato probabilmente condizionata dall'aver testato il vaccino su popolazioni alle prese con ceppi più virulenti di SARS-CoV-2, comprese le varianti. Entrambi i vaccini hanno suscitato livelli anticorpali alla pari di quelli indotti dai colpi di mRNA, che sono emersi come alcuni dei più efficaci nella pandemia.

... E SICURI

Nessuno dei circa cinquanta vaccini a base di proteine ​​ora in fase di test clinici in tutto il mondo ha suscitato effetti collaterali importanti. Anche molte delle reazioni tipicamente provocate dall'mRNA o dai vettori virali - mal di testa, febbre, nausea e brividi - si sono dimostrate molto meno comuni con le alternative a base di proteine. Ad esempio, meno dell'1% delle persone che hanno ricevuto un'iniezione a base di proteine ​​dalla Medigen Vaccine Biologics Corporation di Taiwan, nella città di Taipei, ha sviluppato la febbre negli studi clinici. «Il profilo di sicurezza è molto simile a quello dei vaccini antinfluenzali», spieha a nature.com Szu-Min Hsieh, specialista in malattie infettive presso il National Taiwan University Hospital di Taipei, che ha pubblicato i risultati dello studio di fase 2 il mese scorso. «Ciò consentirà a molte persone di non preoccuparsi così tanto», aggiunge Cindy Gay, un medico di malattie infettive presso la School of Medicine dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, che ha co-guidato i test del vaccino Novavax.

COME SONO FATTI

Tanti nuovi vaccini, ma anche quelli proteici non sono tutti realizzati allo stesso modo. Per prima cosa, la forma della proteina spike che distribuiscono varia notevolmente da un prodotto all'altro. Alcuni usano singole proteine, altri triadi. Alcuni usano la proteina spike a tutta lunghezza, altri solo un frammento. Alcune proteine ​​sono fluttuanti, altre sono impacchettate insieme in nanoparticelle. Molti di questi vaccini sono anche fabbricati utilizzando diversi tipi di cellule. Novavax e Sanofi/GSK utilizzano cellule del verme dell'esercito autunnale (Spodoptera frugiperda), un tipo di falena, per sintetizzare le proteine; Clover e Medigen si affidano alle cellule ovariche di criceto, un pilastro della produzione di anticorpi terapeutici nel settore delle biotecnologie. Inoltre, molti si affidano a diversi adiuvanti, ognuno dei quali stimola il sistema immunitario a modo suo, determinando diversi tipi di risposte vaccinali. Il farmaco della Novavax imita il comportamento della proteina sulle punte dell’involucro esterno del Coronavirus, che questo impiega per legarsi alle cellule del nostro organismo e iniettarvi all’interno il proprio materiale genetico per replicarsi. Grazie al vaccino il sistema immunitario può imparare a contrastare la proteina senza entrare in contatto con il Coronavirus vero e proprio. Nel caso di una seguente infezione, può usare le conoscenze acquisite per impedire al virus di penetrare nelle cellule e fare danni.

Zona bianca Italia, ma dal Friuli alla Calabria quattro regioni rischiano il giallo: dai contagi ai ricoveri, ecco perché

IL RICHIAMO

I risultati finora ottenuti dimostrano che questi nuovi vaccini potranno entrare a pieno titolo nei programmi di richiamo nei paesi ricchi, dove grandi percentuali della popolazione sono già state vaccinate. Sebbene i jab di mRNA siano attualmente utilizzati come booster in molti di questi Paesi, i problemi di tollerabilità potrebbero spingere le persone a cercare booster a base di proteine, ​​una volta disponibili. «La tecnologia è collaudata e gli studi hanno dimostrato che una strategia mix-and-match - in cui viene somministrato un diverso vaccino anti-Covid dopo il primo - è efficace nel prevenire la malattia» , osserva John Mascola, direttore della ricerca sui vaccini. Centro presso l'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive degli Stati Uniti.

POPOLAZIONI PIU' VULNERABILI

Finora, meno del 6% delle persone nei paesi a basso reddito è stato vaccinato contro il Covid. I vaccini a base di proteine, con i loro protocolli di produzione poco costosi e i vantaggi logistici, inclusa la stabilità a un'ampia gamma di temperature, potrebbero aiutare a ridurre il divario di immunizzazione tra paesi ricchi e paesi poveri. «Il mondo ha bisogno di questi vaccini a base di proteine ​​per raggiungere quelle popolazioni vulnerabili - afferma Nick Jackson, capo dei programmi e delle tecnologie innovative presso la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, che ha investito oltre un miliardo di dollari vaccini proteici che sono in fase di sviluppo. La parte del leone va ai prodotti realizzati da Clover, Novavax e SK bioscience a Seongnam, in Corea del Sud. I vaccini proteici attireranno in una nuova era di immunizzazione Covid-19». Una volta autorizzati, i questi vaccini ​​dovrebbero anche risolvere rapidamente anche il problema della carenza di approvvigionamento che affligge i paesi a basso reddito. Novavax e Clover, ad esempio, si sono impegnati a donare l'anno prossimo centinaia di milioni di dosi dei loro vaccini a COVAX, un'iniziativa che punta a distribuire vaccini in tutto il mondo. 

PRODUZIONE A BASSO COSTO

La comunità sanitaria globale ha anche sostenuto che un accesso equo ai vaccini COVID-19 potrebbe essere ottenuto attraverso la produzione locale di vaccini nei Paesi più poveri. «Per raggiungere questo obiettivo, più ricercatori dovrebbero cercare sistemi di produzione semplici ed economici che i produttori possano implementare facilmente», afferma Christopher Love, ingegnere chimico presso il Massachusetts Institute of Technology di Cambridge. Biological E sta già sfruttando uno di questi sistemi, il lievito, per produrre il vaccino autorizzato dal Baylor College of Medicine di Houston, in Texas. Secondo Maria Elena Bottazzi, una virologa di Baylor che ha contribuito a creare il prodotto, questo lo rende «probabilmente il più semplice ed economico» di tutti i vaccini Covid-19 sul mercato o in via di sviluppo oggi». «Nei primi giorni della crisi pandemica, le piattaforme di vaccini come l'mRNA hanno portato il vantaggio della velocità - afferma Ralf Clemens, un veterano dell'industria dei vaccini e consulente scientifico di Clover - Ma ora che i vaccini a base di proteine ​​stanno recuperando terreno, dice, avranno molto di più da offrire e, a lungo termine, penso che prevarranno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA