Covid Italia, bollettino 22 maggio: 4.717 contagi e 125 morti, tasso di positivà all'1,6%

Covid Italia, bollettino 22 maggio: 4.717 contagi e 125 morti, tasso di positivà all'1,6%
5 Minuti di Lettura
Sabato 22 Maggio 2021, 16:58 - Ultimo aggiornamento: 18:29

Covid Italia, bollettino oggi sabato 22 maggio. Sono stati rilasciati i dati del Ministero della Salute: sono 4.717 i contagi registrati oggi a fronte di 286.603 tamponi. Sono invece 125 le vittime in un giorno - di cui 24 della Campania relative ai mesi scorsi ed emerse da una verifica delle Asl -, mentre ieri erano state 218 (con 85 della Campania relative ai mesi scorsi). Dall'inizio dell'emergenza sono state contagiate dal covid-19 4.188.190 persone mentre ne sono morte 125.153.

I guariti di oggi sono 12.633 che porta il totale a 3.779.293. Scende di altre 8.044 unità il dato degli attualmente positivi che in Italia ora sono 283.744. Il tasso di positività è dell'1,6%, in calo rispetto all'1,9% di ieri (-0,3%). Si tratta del dato più basso del 2021.

Covid Lazio, bollettino oggi 22 maggio: 494 (+23) casi e 7 morti. A Roma 244 nuovi positivi

Ricoveri in calo

In terapia intensiva per il Covid in Italia ci sono 1.430 persone, in calo di 39 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 64 (ieri 51). Sono invece 9.488 i pazienti ricoverati con sintomi nei reparti ordinari, 437 in meno nelle ultime 24 ore. Sono 64 invece i pazienti entrati nelle ultime 24 ore in terapia intensiva.

Vaccini Lazio, quando toccherà agli over 30? Prenotazioni, tempi e nuovo farmaco in arrivo

Toscana

Sono 358 in più rispetto a ieri i nuovi casi di positività al coronavirus (349 confermati con tampone molecolare e 9 da test rapido antigenico): in Toscana, da quando è iniziata l'epidemia a oggi, sono 239.092 in tutto. I nuovi casi - età media 38 anni - sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. Eseguiti 11.180 tamponi molecolari e 10.870 tamponi antigenici rapidi, di questi l'1,6% è risultato positivo. Sono, invece, 7.417 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 4,8% è risultato positivo. Purtroppo si registrano altri 16 decessi - 8 uomini e 8 donne con un'età media di 84,1 anni - che portano il totale a 6.617. Continua il calo dei ricoverati: oggi sono complessivamente 796, 41 in meno rispetto a ieri, di cui 144 in terapia intensiva, 4 in meno. Questi i dati diffusi dalla Regione. I guariti crescono dello 0,5% e raggiungono quota 220.923 (92,4% dei casi totali).Gli attualmente positivi sono oggi 11.552, -6% rispetto a ieri. Complessivamente, 10.756 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (695 in meno rispetto a ieri, meno 6,1%). Sono 25.815 (610 in meno rispetto a ieri, meno 2,3%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate. Riguardo alle singole province Firenze registra 127 casi in più rispetto a ieri, Prato 43, Pistoia 26, Massa Carrara 11, Lucca 23, Pisa 29, Livorno 9, Arezzo 37, Siena 27, Grosseto 26.

Emilia Romagna

Va avanti in Emilia- Romagna il calo di ricoverati per Covid-19 negli ospedali e resta basso il numero di nuovi contagi di Coronavirus. I positivi rilevati nelle ultime 24 ore con 25.228 tamponi sono 340, età media 37,7 anni. I ricoveri in terapia intensiva sono 126 (-1), 791 negli altri reparti (-60). Ma si registrano altri 11 morti, di età compresa tra 55 e 96 anni. La situazione dei contagi nelle province vede al primo posto Bologna con 71 nuovi casi (più altri sei del comprensorio imolese), seguita da Modena (66), Reggio Emilia (62), Parma (45) e Ravenna (24); poi Rimini e Cesena (entrambe con 18 casi), quindi Forlì (13), Ferrara (9), Piacenza (8). I casi attivi, cioè i malati effettivi, scendono sotto quota 20mila: sono 19.338 (-1.869 rispetto a ieri), di cui il 95,3% in isolamento domiciliare. Per quanto riguarda i vaccini, alle 14 risultano somministrate complessivamente 2.352.699 dosi. Poco più di 800mila i cittadini che hanno completato il ciclo vaccinale.

Sardegna

Salgono a 56.409 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale sono stati rilevati 35 nuovi contagi. In totale sono stati eseguiti 1.270.593 tamponi, per un incremento complessivo di 2.553 rispetto al dato precedente e un tasso di positività dell'1,3%. Si registra un nuovo decesso (1.446 in tutto). Sono, invece, 184 (-2) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, mentre sono 32 (-3) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 13.268 e i guariti sono complessivamente 41.479 (+90). Sul territorio, dei 56.409 casi positivi complessivamente accertati, 14.735 (+10) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.604 (+12) nel Sud Sardegna, 5.136 a Oristano, 10.816 (+2) a Nuoro, 17.104 (+11) a Sassari.

Marche

In 24 ore 125 positivi al coronavirus rilevati nelle Marche in base a 1.645 test nel percorso nuove diagnosi per una percentuale del 7,6%. Dei casi, 39 riguardano la provincia di Pesaro Urbino, 36 quella di Macerata, 18 la provincia di Ancona, 11 il Fermano, 16 l'Ascolano; 5 da fuori regione. Nel Percorso Screening Antigenico, eseguiti 463 test e riscontrati 20 casi (da sottoporre a tampone molecolare). Il rapporto tra positivi e test è pari al 4%. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione. In tutto testati «3.422 tamponi: 1.645 nel percorso nuove diagnosi (463 test Antigenico) e 1.777 nel percorso guariti». Tra i positivi risultati dalle nuove diagnosi ci sono 29 soggetti con sintomi. I casi comprendono contatti in setting domestico (33), contatti stretti di casi positivi (36), in setting lavorativo (5), in setting assistenziale (1), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (10), screening percorso sanitario (2). Per altri 9 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA