FEMMINICIDIO

Quelle cinque donne come «Lella»
che dicono basta al femminicidio

Martedì 5 Novembre 2013 di Davide Desario
Vanessa Incontrada, Sabrina Impacciatore, Ambra Angiolini, Donatella Finocchiaro e Elda Alvigini. Cinque donne con Roma nel cuore. Cinque attrici che proprio da Roma dicono «No alla violenza sulle donne». E lo fanno recitando nel videoclip del primo disco dell’Orchestraccia, una band composta da cantanti e attori romani che hanno ripescato canzoni e testi della cultura popolare (dal Belli a Trilussa fino a Gabriella Ferri) e li hanno rivisti gettando un ponte tra la Roma dell'800 e quella dei giorni nostri.



La canzone è «Lella» e chi è romano non può non conoscerla «la moglie de Proietti er cravattaro, quello che c’aveva er negozio giù ar Tritone». Chiunque all’ombra del Colosseo l’ha fischiettata almeno una volta. Ma in pochi forse hanno compreso la drammaticità del testo, l’omicidio di una donna per mano del suo amante. Un femminicidio come si dice adesso. Perché la donna, nonostante le mille battaglie vinte, l’emancipazione culturale, continua a subire violenze inaudite.



E il colpevole è sempre l’uomo: il marito che non regge il confronto, l’ex fidanzato geloso, il datore di lavoro respinto.



Il videoclip è da brividi. Le cinque attrici e i cantanti sono bravissimi. E magari i loro volti noti al grande pubblico possono far arrivare il messaggio a tanti, tantissimi giovani.



E allora non sarebbe male se il sindaco Ignazio Marino facesse suo quel messaggio e lanciasse, proprio da Roma, una campagna contro il femminicidio proiettando il video prima di ogni film in tutti i cinema della Capitale fino a Natale. Ultimo aggiornamento: 08:06

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani