Taxi volante a Roma, in 20 minuti si andrà da Fiumicino a Termini

Ieri il primo volo dal nuovo vertiporto. Troncone (Adr): Roma è all’avanguardia

Taxi volante a Roma, in 20 minuti si andrà da Fiumicino a Termini
di Giampiero Valenza
4 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 00:08 - Ultimo aggiornamento: 16:02

«Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare». La frase è passata alla storia per un film, Blade Runner, realizzato nel 1982. Ebbene, la scena delle auto volanti è diventata realtà a Fiumicino. Ieri si è alzato in aria il primo “dronecottero”, uno di quelli farà la spola tra lo scalo aeroportuale e il centro della città. Si tratta di un velivolo a motore elettrico con dodici eliche, la tecnologia di un drone e che permetterà il trasporto dei passeggeri

Blade Runner atterra nella Capitale: a Fiumicino primo volo di prova degli aerotaxi a decollo verticale


IL PIANO
Il servizio del taxi volante inizierà nel 2024, quindi in tempo per il Giubileo dell’anno successivo. All’inizio si partirà con un dronecottero in direzione dell’aeroporto dell’Urbe. Solo dopo l’intenzione è quella di realizzare all’interno del Raccordo anulare vertiporti (stazioni vere e proprie per i veicoli a decollo verticale), nei pressi dei principali luoghi di scambio della città, soprattutto quelli che prevedono collegamenti con l’alta velocità ferroviaria come le stazioni Termini, Tiburtina, Ostiense. La rotta che si sta studiando, secondo quanto anticipato dal presidente di Enac, Pierluigi Di Palma sarebbe tutta naturale, ed è quella della porzione di cielo sopra il fiume Tevere. Atlantia, Aeroporti di Roma, Volocopter, UrbanV (società fondata da Adr insieme ad Aeroports de la Cote d’Azur di Nizza, Save-Aeroporto di Venezia e Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna, gli altri scali dove si svilupperà il progetto) hanno effettuato ieri mattina a Fiumicino il primo volo in Italia del dronecottero equipaggiato, attivando inoltre il primo vertiporto mai realizzato nel Paese. Il test è stato svolto a un anno dalla presentazione del primo prototipo della penisola. Il pilota collaudatore a bordo dell’elicottero elettrico Volocopter 2X, ha volato a 40 km/h per 5 minuti a 40 metri di altezza. Il mezzo ha 18 motori ed è in grado di trasportare 2 persone e merci fino a 250 chili. Totalmente green, ha un’autonomia di 100 chilometri.

 

«Siamo ben oltre la posa della prima pietra - dice Di Palma - Nel rispetto dei tempi, quindi nel 2024, saremo in grado di fare questo collegamento Fiumicino-Roma». Conferma il cronoprogramma Giampiero Massolo, presidente di Atlantia: «Attraverso la cooperazione con le istituzioni, puntiamo ad aprire il servizio al pubblico a Fiumicino, prima di estenderlo anche agli altri aeroporti in cui abbiamo investito». Claudio De Vincenti, presidente di Aeroporti di Roma, sottolinea: «È probabile (lo affidiamo agli sviluppi di ricerca che stiamo facendo) che il primo vertiporto in città potrebbe essere sul tetto della stazione Termini». Per Marco Troncone, amministratore delegato di Adr, «l’apertura del primo vertiporto in Italia e il primo volo equipaggiato rappresentano un passo significativo verso l’attivazione delle prime rotte in vista del Giubileo». «In poco meno di un anno siamo passati da un accordo di partnership firmato e dall’avvio di una serie di eventi a un test di volo in una struttura funzionante», spiega Christian Bauer della tedesca Volocopter. E Carlo Tursi, amministratore delegato di UrbanV, commenta: «Si tratta di una mobilità urbana e regionale, che connetterà via aria i luoghi che via terra sono difficili da raggiungere». Potrebbe arrivare dal cielo, dunque, la risposta al classico traffico sul Raccordo anulare. «È un ulteriore tassello che aggiungiamo per l’intermodalità delle persone e delle merci. Nel futuro diventerà un mezzo diffuso - dice l’assessore alla mobilità del Campidoglio, Eugenio Patanè - Ed essere la prima città italiana che li ospiterà è un orgoglio della Capitale d’Italia», conclude.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA