Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ex sarta di Sofia Loren va dalle suore: troppo anziana per il carcere. Arrestata a 84 anni per aver accoltellato il marito

La storia di Loretta era stata denunciata dalla garante dei detenuti del Comune di Roma, Gabriella Stramaccioni, il giorno di Ferragosto al termine di una visita nella casa circondariale. La garante era rimasta molto colpita dal fatto di vedere tra le detenute nelle celle iper-affollate, una donna così anziana

Ex sarta di Sofia Loren va dalle suore: troppo anziana per il carcere. Arrestata a 84 anni per aver accoltellato il marito
di Michela Allegri e Alessia Marani
3 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 19:43

Ha lasciato il carcere di Rebibbia, ieri pomeriggio, Loretta M., la 84enne ex sarta dei vip sui set della Dolce Vita accusata di avere tentato di uccidere il marito. L'anziana sarà ospitata in una casa di suore alla Borghesiana. Cucì abiti da sogno per Sofia Loren e Marcello Matroianni, appuntò spille sulle giacche di Alberto Sordi, ma il 9 agosto scorso Loretta era stata arrestata dalla polizia dopo avere ferito con un coltello da cucina il marito che, al culmine dell'ennesima lite, l'aveva picchiata. «Non me lo fate più vedere perché lo ammazzo», aveva urlato ai poliziotti prima di essere condotta in carcere, ancora in pigiama e senza nemmeno il tempo di prendere la dentiera. Quel giorno a chiamare il 112 era stato un vicino spaventato dopo avere visto la vittima riversa sul pavimento del pianerottolo con la schiena insanguinata.

La storia di Loretta era stata denunciata dalla garante dei detenuti del Comune di Roma, Gabriella Stramaccioni, il giorno di Ferragosto al termine di una visita nella casa circondariale. La garante era rimasta molto colpita dal fatto di vedere tra le detenute nelle celle iper-affollate, una donna così anziana. «In un momento tanto drammatico per il carcere come si può pensare di recludere una donna di 84 anni? Certo che la faremo uscire - aveva scritto sui social -. Lei ha colpito il marito solo per difendersi, l'ho incontrata il giorno di Ferragosto, aveva lividi ovunque».

IL TRASFERIMENTO

Ieri, dunque, il tribunale di Roma, dopo un sopralluogo ad hoc dei poliziotti del commissariato Tuscolano, ha dato l'ok al trasferimento della donna in una struttura gestita da suore, la Fondazione Cittadella Missionaria - La casa del Povero alla periferia Est, accompagnata dalla stessa Stramaccioni. La decisione della misura cautelare era stata presa dalla Procura in ragione della «gravità dei fatti» definiti «di eccezionale rilevanza», come si legge nel decreto di fermo disposto dal pm, convinto della «probabile reiterazione» da parte dell'84enne, «di analoghi comportamenti qualora fosse lasciata libera» e tenuto conto anche dell'«assenza di un domicilio idoneo per l'applicazione dei domiciliari». Nei prossimi giorni gli investigatori, intanto, sentiranno l'ex sarta per capire se abbia subito dal marito maltrattamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA