Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rifiuti, la Regione Lazio ai sindaci: «Fate presto con gli impianti»

Inviata una lettera ai sindaci del Lazio per chiedere uno sprint sulle discariche. Gualtieri: «Tra un anno partiranno i cantieri per il termovalorizzatore»

Rifiuti, la Regione Lazio ai sindaci: «Fate presto con gli impianti»
di Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Luglio 2022, 00:00

Roberto Gualtieri vuole accelerare sul futuro termovalorizzatore. E ieri, nel giorno in cui il decreto Aiuti ha ricevuto la fiducia, ha fatto sapere: «Pensiamo che sia possibile l’apertura dei cantieri già tra un anno». Proprio nel decreto che ha portato alla caduta del governo ci sono i poteri speciali per costruire l’impianto. «È un investimento remunerativo - ha aggiunto - ci saranno le procedure di gara. Ci sarà un progetto e ci sarà una proposta. Poi ci sarà la possibilità di presentare le offerte». Ma non c’è soltanto il termovalorizzare da avviare il più presto possibile per affrontare la crisi dei rifiuti. E vista la situazione attuale si torna a parlare di nuovo di discariche. Anche perché la città di Roma, che spedisce fuori dai suoi confini quasi due terzi dell’immondizia prodotta ogni giorno, ha finito per mandare in affanno tutte le province del Lazio. Per questo la Regione, nei giorni scorsi, ha preso carta e penna e ha scritto alla Città metropolitana di Roma e alle province di Frosinone e Rieti per chiedere a questi enti di velocizzare la costruzioni degli impianti necessari per il trattamento e lo smaltimento dei materiali. Con un messaggio indiretto anche i sindaci di questi territori. In questa lista soprattutto le discariche, visto che nel Lazio ce n’è solamente una funzionante a Viterbo, in attesa della piena ripartenza di Albano Laziale.

Da accelerare nodi che si protraggono da anni, come l’avvio del quinto bacino della discarica di Rocca Secca, nel frusinate, che è stato autorizzato nel gennaio del 2021 e che dovrebbe avere un’ampiezza di almeno 200mila metri quadri. Ma i lavori non sono mai partiti anche per i problemi giudiziari di Walter Lozza, il titolare della Mad, che possiede l’area. Se a Rieti si guarda principalmente a impianti sul fronte dell’organico e per lavorare il compostaggio, nella provincia di Roma c’è il nodo del via libera della discarica di Magliano Romano. Che potrebbe ospitare fino a 890mila tonnellate di materiali all’anno. Al momento c’è il parere favorevole degli uffici regionali per il rilascio della Via (valutazione di impatto ambientale), che permetterà al catino di accettare anche rifiuti urbani oltre a quelli inerti, già autorizzati. Ma deve essere ancora concessa la Aia (l’autorizzazione integrale ambientale) e su questi invasi pendono le spade di Damocle di un ricorso al Tar da parte di alcune associazioni di cittadini e un faro aperto dall’Unione europea, che ha accolto una petizione per non sbloccare il catino recapitata dagli stessi comitati. Sempre restando nell’area metropolitana di Roma, sono stati nominati i commissari (i giuristi Atzori e Fico) per gestire la riapertura della discarica di Albano Laziale (prorogata fino al 15 novembre) e l’avvio del Tmb di Guidonia Montecelio.

NAVI E TRENI PER L’EUROPA

Intanto a Roma Ama e il Comune non escludono di aumentare l’invio dei rifiuti all’estero, anche perché la ripartenza della stessa Albano potrebbe non bastare. Le ditte di broker che hanno già vinto il bando per i rifiuti all’estero lanciato due anni fa dall’ex giunta Raggi con Invitalia hanno già bussato alle porte della istituzioni romane: sono pronti a quintuplicare le 120mila tonnellate già concordate per i prossimi tre anni. In totale 600mila tonnellate da poter mandare negli inceneritori del Nord Europa (Olanda, Germania, Danimarca o Austria). Tutti impianti rimasti orfani per colpa della Brexit dei materiali che un tempo arrivavano dalla Gran Bretagna. E che in alcuni prendono anche il talquale, il rifiuto da sacco nero, e lo bruciano direttamente per farne energia. Quindi senza aver bisogno del css, del combustibile solido secondario, cioè il rifiuto trattato e stabilizzato nei Tmb. Mandare i rifiuti fuori dai confini comporta maggiori problemi sul fronte della logistica: vanno messi sulle navi che da Civitavecchia partono per Rotterdam e da qui vanno traslati sui treni per il resto dell’Europa. Anche se dalla municipalizzata fanno notare che ormai i prezzi per lavorare i rifiuti in Italia e all’estero sono quasi gli stessi: sui 215 euro a tonnellata nel primo caso, 235 nell’altro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA