Roma, i Bauli diventano 1.000: in piazza del Popolo anche Gazzè, Mannoia, Silvestri, Emma e Amoroso

Roma, i Bauli diventano 1.000: in piazza del Popolo anche Gazzè, Mannoia, Silvestri, Emma e Amoroso
3 Minuti di Lettura
Sabato 17 Aprile 2021, 09:42 - Ultimo aggiornamento: 19:11

​Dopo il Duomo di Milano, sono 1.000 oggi Bauli In Piazza per la seconda manifestazione nazionale in programma in Piazza del Popolo a Roma, sebbene dovessero essere inizialmente 419 come nei giorni passati. 

Bonus vacanze: chi e come può chiederlo, come spenderlo e quanto dura. Tutte le novità in arrivo

La piazza ai piedi del Pincio è invasa da un esercito di bauli, l'oggetto-simbolo dei lavoratori del "dietro le quinte" del mondo dello spettacolo, e da migliaia di operatori che manifestano nel rispetto delle norme anti covid a cui è stato chiesto di vestire di nero, in segno di lutto delle professioni che rappresentano.

Ai piedi del Pincio un mare di bauli, circa 1000, ognuno con una persona davanti, tutti vestiti di nero e con una maschera sul volto a simboleggiare l'anonimato nel quale li ha lasciati la politica e l'unità con cui manifestano. Tra gli artisti in piazza anche Max Gazzè, Fiorella Mannoia, Daniele Silvestri, Manuel Agnelli, Emma, Diodato e Alessandra Amoroso.

Aperture dal 26 aprile, i ristoratori ternani: «Solo all'aperto è una follia, si farà la mobilitazione»

In arrivo verso la Capitale diversi pullman da tutta Italia (due solo da Milano, uno da Bologna): le normative vigenti, consentono lo spostamento per partecipare a manifestazioni di carattere nazionale, fermo restando il ricorso all'autodichiarazione.

«Ciao ragazzi. Sono Renato, sono qui con voi per dimostrare che non abbiamo paura di salire su quel palco. La musica ha sempre guarito i cuori di tutti». Così Renato Zero ha salutato tra gli applausi il popolo di lavoratori del mondo dello spettacolo protagonista oggi a Roma, a Piazza del Popolo, con il flash mob organizzato nel rispetto delle regole precauzionali anticovid di Bauli in piazza, dove artisti si sono mescolati a musicisti, organizzatori, tecnici, del settore per far sentire la propria voce al governo.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA