CORONAVIRUS

Roma, muore per il coronavirus responsabile dell'ufficio anagrafe. Contagiata anche la collega di stanza. Raggi: «Sono affranta»

Mercoledì 8 Aprile 2020 di Simone Canettieri
1
Coronavirus Roma, muore dipendente Comune: aveva 64 anni, era responsabile dell'ufficio anagrafe

Muore per conoravirus un dipendente del Comune di Roma. Si chiamava Aulo Mechelli, aveva 65 anni. Era ricoverato in una struttura romana. Lavorava all'ufficio all'ufficio Anagrafe via Petroselli dove ricopriva il ruolo di funzionario responsabile del settore. Contagiata anche la collega di stanza, le cui condizioni però non desterebbero particolare preoccupazione. Nei giorni scorsi chiuso l'ufficio, considerando l'alto numero di persone che entra per chiedere documenti, era stato chiuso per una disinfestazione per 3 giorni.

LEGGI ANCHE Roma, bollettino dello Spallanzani: 172 pazienti ricoverati, 223 dimessi

Il cordoglio del Comune di Roma guidato da Virginia Raggi: «Perdiamo un dipendente, un lavoratore fedele della città».

Mechelli lascia quattro figli, era ricoverato al Gemelli, questa mattina è precipitata la situazione. La sindaca Virginia Raggi dice al Messaggero: «Sono costernata e affranta, è una tragedia terribile».

«A nome dell'assemblea capitolina, esprimo le più sentite condoglianze alla famiglia per la perdita di Aulo Mechelli, funzionario responsabile dell’Ufficio di Anagrafe, la cui memoria è stata onorata con un minuto di silenzio da parte dell'Aula. Un esempio di dedizione umana e professionale che ci spinge ancora di più a tenere alta la guardia per vincere la battaglia contro il Covid-19», dichiara il Presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito. 
«Ci stringiamo con affetto alla famiglia di Aulo Mechelli, nostro dipendente scomparso a causa del coronavirus. Ce lo raccontano tutti coloro che lo conoscevano: una persona generosa e un lavoratore appassionato. Roma Capitale lo porterà sempre nel cuore», scrive su Twitter l'assessore al Personale Antonio De SantisIl consigliere comunale Paolo Ferrara aggiunge: «Sono veramente scosso per quello che è accaduto. L'anagrafe è in prima linea. E' una situazione difficile per tutti. Sono vicino ai familiari». 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 08:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani