Roma, a Villa Giordani gli anziani aiutano gli anziani

Roma, a Villa Giordani gli anziani aiutano gli anziani
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Dicembre 2021, 18:08

Tutti volontari, tutti rigorosamente over70, e tutti instancabili portatori di qualificate esperienze professionali e di vita. Sono gli anziani dell'associazione di volontariato «Insieme per la solidarietà Roma 1» che da un paio di mesi ha la sua nuova sede a Villa Gordiani, in via della Venezia Giulia, aperta a tutti, dove dalle 9 del mattino, quando Tobia Romani, over 80, da 12 anni nell'associazione, arriva dal Tuscolano e apre le porte, accoglie chi ha bisogno di un sostegno o, anche solo di «stare insieme vad altri coetanei».

All'interno anche uno «Sportello di ascolto», il martedì, dalle 10 alle 12, per chi ha bisogno di un aiuto psicologico, qualsiasi sia l'età. Dietro le sue porte Vera Falcone, psicologa di lungo corso, anche lei over 70, che da anni si occupa dei disagi che la vita spesso determina. E, con la pensione, come volontaria. Animatore di «Insieme per la solidarietà Roma 1» un attivissimo ed entusiasta 'diversamente giovanè, verso gli 80 anni, Piero Bianchi, pensionato delle Ferrovie dello Stato e, per anni attivo nello Spi-Cgil, dove ha imparato cosa vuol dire vivere nella terza età.

«Non nasciamo ora, l'associazione ha alle spalle vent'anni di attività di volontariato - spiega Bianchi - Sia nell'ambito della Provincia che nella città di Roma Capitale e, in particolare, al servizio dei cittadini nei territori Municipali». E dopo una pausa obbligat per la pandemia, ora riprende l'attività. Un acquisto importante per il V Municipio l'Associazione di volontari over 70 che attende «di poter discutere i progetti con il presidente del Municipio, Mauro Caliste - racconta Bianchi - per realizzare e potenziare il servizio, a tutto tondo, per gli anziani, e non solo». «Gli anziani possono e voglio aiutare altri anziani a vivere meglio nella quotidianità, ma anche a diverirsi e stare insieme condividendo esperienze, dolori e gioie», ti spiegano i più attivi nell'Associazione. Possono anche essere utili ai più piccoli, agli indigenti e a chi ha bisogno di aiuto, anche psicologico, come dimostrano i numerosi progetti realizzati in questi anni.

Dal progetto «Un Amico per la Città», con la partecipazione di quasi 300 volontari ora ridotti a meno di 100 per effetto Covid, per l'assistenza all'ingresso e all'uscita delle scuole elementari e medie; ai progetti mirati al trasporto gratuito degli anziani per visite mediche e cicli di terapie presso strutture sanitarie con il progetto «Nonna Roma», da noi supportato - spiega Bianchi - con tre pulmini, di cui due attrezzati per disabili. Ma c'è anche l'impegno con il 'Banco alimentarè per distribuire pacchi di alimenti e non solo alle famiglie più bisognose. Vorremmo riprendere i progetti che con l'amministrazione abbiamo realizzato se il Municipio o il Comune ci metterà nella condizione di farlo.

Siamo ottimisti che l'amministrazione di Gualtieri non ci lascerà soli«, spiega. L'impegno fa stare davvero bene gli anziani, e così »non si ammalano«. E basta guardarsi intorno, all'interno della piccola ma accogliente sede di Villa Gordiani, ristrutturata con una cifra di tutto rispetto che gli verrà scalata dall'affitto, per accorgersi che lì c'è tanta energia, pronta ad entrare in circolo a sostegno degli altri. Tra i progetti che hanno fatto dell'Associazione un punto di riferimento anche un »Pony della Solidarietà« per sostenere gli anziani soli a casa. Inoltre una convenzione con il Museo »Chiostro del Bramante« consente di organizzare le visite alle mostre, sempre con l'assistenza dei volontari. »Speriamo di poter riprendere i nostri progetti con il Municipio o il Comune - spiega Bianchi - abbiamo decine di volontari a disposizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA