Roma, un'alba al Museo: l'Etrusco apre alle 6 del mattino per maratona di poesia e colazione

Il Ninfeo di Villa Giulia
di Laura Larcan
3 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Ottobre 2021, 16:31 - Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre, 18:21

Altro che una notte al Museo, che suonerebbe ormai troppo scontato. Perché non lanciare, invece, l'alba al Museo. Con tanto di maratona di poesia, dove i versi sono letti direttamente da venti celebri poeti (in carne e ossa). E magari accompagnare l'esperienza con una colazione gourmet. Caffè e cornetto avrebbero davvero più sapore. Impossibile? Non per il Museo Etrusco di Villa Giulia, che propone l'appuntamento per domenica 24 ottobre. Non è certo nuovo ad exploit al servizio del pubblico, questa istituzione statale prestigiosa della Capitale. In principio è stata la danza come terapia. Poi i concerti serali con progetti musicali dedicati ai grandi del jazz. Poi sono arrivate le degustazioni di piatti su ricette antiche, l'archeologia sperimentale e persino i videogiochi su tema etrusco con il gioiellino digitale "Mi Rasna". Metti una consulenza scientifica per cinema e la televisione sulle orme del Primo Re di Roma (chiedere a Matteo Rovere per credere), e aggiungi un carnet di feste con rievocazioni storiche.

Ora è la volta della poesia. Ma non con un "semplice" (ordinario) reading nelle sale espositive. Perché il Museo Etrusco di Villa Giulia sotto la guida del vulcanico Valentino Nizzo va oltre e cerca l'insolito, la sorpresa. Il colpo di scena. Sempre sul filo dell'offerta culturale di qualità, ovviamente. Nizzo, d'altronde, è uno degli archeologi etruscologi più preparati della scena nazionale. E un direttore che sa fare una sana valorizzazione del patrimonio. E allora, porte aperte al Museo dalle ore 6 del mattino.

Da programma, la lettura dei poeti è prevista alle ore 6.45, con l’ultimo buio della notte, e prosegue "coccolando" il pubblico durante il sorgere del sole. Ad aprire e chiudere l'incontro, due improvvisazioni musicali eseguite da alcuni musicisti dell'Orchestra di Piazza Vittorio. E attenzione, a tutti i presenti verrà offerta la colazione (griffata dalla Coop. Soc. Panta Coop, Caffè Galeotto). Protagonisti, nel giardino del cortile centrale della Cinquecentesca Villa Giulia, saranno venti celebri poeti contemporanei che si riuniranno per la prima volta per leggere i loro versi all'alba. Fil rouge delle letture, da un'idea di Nicola Bultrini, il tema dell'ambiente e del Pianeta Terra. L'evento performance è stato organizzato nell'ambito della mostra "BastaBuste", personale dell’artista Oreste Baldini. Concepita come «Una piccola grande adunanza da ascoltare in silenzio fra le più belle voci nel panorama dei poeti italiani, uniti nell’appello d’amore e difesa dei nostri luoghi», dice l'artista

Partecipano i poeti: Annelisa Alleva, Luca Archibugi, Daniela Attanasio, Silvia Bre, Nicola Bultrini, Maria Grazia Calandrone, Davide Cortese, Francesco Dalessandro, Claudio Damiani, Elisabetta Destasio, Moira Egan, Emanuele Franceschetti, Marco Giovenale, Vittorio Lingiardi, Cinzia Marulli, Vincenzo Mascolo, Elio Pecora, Maria Concetta Petrollo, Lidia Riviello, Beppe Sebaste, Gabriella Sica, Sara Ventroni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA