Camera commercio Roma, pessimismo per fase 2, cali fatturato e riduzione costi

Nel report anche il 5,5% non ha avuto riduzioni del fatturato e l'1,8% ha registrato un aumento
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Maggio 2020, 11:53
Nuovo report della Camera di commercio di Roma che ha analizzato l'impatto economico della serrata imposta dal coronavirus, le aspettative e le azioni messe in campo dalle imprese per il passaggio alla fase 2. Lo studio ha preso in considerazione un panel di 500 imprese rappresentative delle attività economiche di Roma e provincia. Le imprese del campione hanno nel 67 per cento dei casi la sede nel comune di Roma e per il 33 per cento dei casi nel resto della provincia di Roma. L'84,6 per cento delle imprese ha tra 0 e 9 dipendenti, il 12,6 per cento ha tra 10 e 49 dipendenti e il 2,8 per cento delle imprese ha oltre 50 dipendenti.

Eurozona, crollo storico della manifattura in aprile

Nel dettaglio dello studio l'impatto del blocco è stato molto duro, con il 93 per cento delle imprese che ha registrato cali di fatturato, la maggioranza (il 70,8 per cento) con cali di oltre il 30 per cento. Molto pessimistiche anche le aspettative di recupero con la fase 2. Solo un'impresa su tre pensa di poter recuperare parte del fatturato perso e con percentuali al massimo del 30 per cento (solo lo 0,5 per cento pensa di poter recuperare oltre il 30 per cento). Non esiste una strategia nettamente prevalente scelta dagli imprenditori per prepararsi alla fase 2, ma con il 22,8 per cento quella di ridurre i costi è la scelta principale. Il 70,8 per cento delle imprese ha avuto una riduzione del fatturato di oltre il 30 per cento nel periodo di serrata. Il 21,9 per cento ha avuto una riduzione fino al 30 per cento, mentre solo il 5,5 per cento non ha avuto riduzioni del fatturato e l'1,8 per cento ha registrato un aumento.

Confcommercio, cresce disagio sociale a marzo

Per quanto riguarda le aspettative per la fase 2, il 39,7 per cento delle imprese pensa che la situazione non migliorerà anzi potrebbe ulteriormente peggiorare. Il 26,5 per cento pensa che non riuscirà a recuperare nulla. In totale due imprese su tre non si aspettano recuperi. Il 25,1 per cento pensa di poter recuperare fino al 20 per cento, mentre l'8,2 per cento pensa di poter recuperare fino al 30 per cento. Solo lo 0,5 per cento pensa che il recupero possa essere superiore al 30 per cento. Relativamente alla ripartenza il 22,8 per cento delle imprese si prepara a tagliare i costi aziendali per affrontare il ridimensionamento del mercato. Il 16,4 per cento pensa di non dover fare cambiamenti perchè la domanda si è ridotta, ma non sono cambiate le condizioni generali di mercato. Lavoro digitale, messa in sicurezza dei locali, e riorganizzazione delle modalità di vendita sono le altre scelte prevalenti con percentuali intorno al 12 per cento per ognuna di queste azioni. Da segnalare che il 6,4 per cento del campione ha aumentato l'utilizzo dei canali di vendita online.
© RIPRODUZIONE RISERVATA