Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Malamovida, a fuoco l’auto della giornalista della Rai, Cinzia Fiorato a Monterotondo

Malamovida, a fuoco l auto della cronista Rai, Cinzia Fiorato a Monterotondo
di Fabio Marricchi
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Febbraio 2022, 22:50

L’auto della giornalista del Tg1 Cinzia Fiorato, e del suo compagno, l’avvocato Vincenzo Iacovino, bruciata in pieno centro a Monterotondo. La giornalista, nota al grande pubblico per aver condotto per anni il Tg1 e il Tg1 mattina, aveva denunciato insieme al suo compagno, la malamovida notturna della città sabina, con risse, episodi di spaccio, consumo di alcool e schiamazzi fino alle prime ore del mattino. L’incendio della sua auto sembrerebbe quindi un gesto intimidatorio sul quale stanno indagando i carabinieri di Monterotondo: «La situazione è diventata insostenibile da almeno due anni – ci aveva raccontato al telefono la telegiornalista qualche giorno fa – in un quadro di illegalità che ha visto nelle settimane scorse sequestri da parte delle forze dell’ordine di ingenti quantitativi di droga, soprattutto cocaina. Qualche anno fa il centro storico non era così, si viveva tranquilli. Paradossalmente la situazione è peggiorata con il Covid». Quasi ogni giorno la Fiorato ha pubblicato sul suo profilo Facebook, fino a venerdì scorso, video girati durante la notte dove si vedono giovani e adulti che urlano barcollando fino a tardi, presunti episodi di spaccio, canti e grida.


IL ROGO
L’altra notte, la Rover parcheggiata in piazza della Libertà, a poche decine di metri della sua abitazione, ha preso fuoco andando completamente distrutta e danneggiando le due macchine parcheggiate di fianco. «Questo è il vero mondo che sta dietro la “movida” di Monterotondo – scrive la giornalista sulla sua pagina Facebook - oramai Monterotondo è in mano alla malavita e questa gravissima azione intimidatoria e ritorsiva intende sicuramente silenziare la nostra attività di denuncia delle infiltrazioni criminali nella vita notturna della città. Chi sperava con questo atto criminale di fermarci si sbaglia.

Ora siamo ancora più determinati nella nostra operazione di ripristino della legalità e tutto questo diventerà di dominio pubblico nazionale. Anche l’amministrazione comunale di Monterotondo e il suo sindaco dovranno renderne conto. So che esiste una parte buona della città e che le persone per bene sono ancora la maggioranza. Mi rivolgo a loro e chiedo un atto di dignità e di coraggio. Ribelliamoci a tutto questo, facciamo sentire forte la nostra voce».

Il sindaco di Monterotondo, nel condannare l’episodio e nell’annunciare un nuovo regolamento per il centro storico, si difende: «Respingo ogni accusa di “inadempienza commissiva ed omissiva” riguardo a fenomeni di delinquenza comune legata alla cosiddetta “malamovida” o, peggio, qualsiasi allusione riguardo presunte responsabilità indirette o “morali” per quanto accaduto, mie, delle forze dell’ordine e dell’Amministrazione comunale, invitando chiunque, in qualunque forma, a non farsene irresponsabilmente interprete». Solidarietà alla collega da molti concittadini, da colleghi e dall’associazione Stampa romana: «Questa notte l’auto di proprietà di Cinzia Fiorato e del suo compagno - si legge in una nota di Asr - è stata distrutta in un incendio a Monterotondo. Chiediamo agli inquirenti di fare piena luce sulla dinamica e assicurare protezione alla collega».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA