ATAC

Covid, i treni da Roma nord stracolmi. Pendolari infuriati con l'Atac: «E' una bomba epidemica»

Domenica 25 Ottobre 2020 di Fabio Marricchi
2
I pendolari della Roma-Viterbo ammassati sulle pensiline nonostante le regole sul distanziamento

Corse saltate, convogli pieni fino all’inverosimile, caos alle stazioni. Mentre il Governo invoca i “distanziamenti” anti virus, la ferrovia Roma Nord tra Civitacastellana e piazzale Flaminio, gestita dall’Atac, è una potenziale bomba epidemica: sui vagoni della linea che serve i pendolari che da Sant’Oreste, Rignano Flaminio, Morlupo, Castelnuovo, Riano e anche dalla provincia di Viterbo devono raggiungere Roma, il distanziamento previsto dalle norme è un fatto puramente teorico. I passeggeri sono stipati come sardine e nessuno fa niente per impedirlo. Per lavoratori e studenti, migliaia e migliaia di pendolari, il pericolo è costante.

Coprifuoco a Roma, tornano i posti di blocco con l'autocertificazione: la mappa delle strade


Discussioni a bordo: «Via, ci infettiamo!». Risposte: «Ma dove andiamo?». Secondo i dati del comitato pendolari, sarebbero circa settecento le corse saltate negli ultimi tre mesi, cosa che ovviamente fa crescere l’affollamento a bordo. «Abbiamo scritto all’azienda tramite un nostro legale, l’avvocato Sabatino – dicono i comitati pendolari Roma Nord - Vogliamo chiedere una commissione trasparenza per i fatti dell’ultima settimana, in cui sono saltati tutti gli schemi: tratta extraurbana azzerata, servizio urbano in sofferenza con tagli del 30-40% delle corse programmate per uno sciopero (relativo agli straordinari) da parte dei macchinisti e dei capotreno. Metà dell’orario è coperto proprio con gli straordinari, rendiamocene conto. E se questi dipendenti provano a fermarsi un attimo allora si blocca tutto. I vagoni sono una potenziale bomba epidemica».


Le proteste corrono sui social: ci sono decine di foto, commenti inferociti e segnalazioni che testimoniano la situazione di questi giorni. «Sui treni e nelle stazioni sorvegliate - scrive l’avvocato Mario Sabatino nella sua istanza - non è presente personale incaricato di verificare il rispetto dei limiti di capienza sulle vetture. Non viene assicurato il divieto di assembramenti con l’obbligo di distanziamento minimo tra le persone né viene verificato l’uso delle mascherine. Queste inadempienze - prosegue Sabatino - oltre a rappresentare una palese e gravissima violazione della normativa vigente in materia di contenimento del rischio epidemiologico, mettono a repentaglio la salute dei cittadini che quotidianamente utilizzano i treni della Roma-Nord per recarsi al lavoro o presso i luoghi di studio».

 

Ultimo aggiornamento: 12:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA