CORONAVIRUS

Covid-19, la necessità di cambiare i comportamenti

Giovedì 19 Marzo 2020 di Riccardo Di Segni
Covid-19, la necessità di cambiare i comportamenti

Caro Direttore,
la famosa peste manzoniana del 1630 risparmiò Roma grazie all'attenzione che i governanti di allora misero per impedire l'arrivo di gente infetta dal Nord. Non fu così durante l'ondata successiva del 1656, in cui la peste arrivò dal Sud, da Napoli, passando per Nettuno. Roma invece, grazie alle durissime misure messe in atto dalle autorità, fu colpita relativamente e registrò una mortalità del 14% della popolazione (assai inferiore di quanto si verificò altrove).
L'unica eccezione negativa a Roma fu il Ghetto, la cui popolazione fu subito rinchiusa dentro i suoi cancelli e nel quale la peste ebbe maggiore diffusione per la promiscuità, e la mortalità arrivò ad almeno il 20%. Quando arrivano la peste o le altre epidemie, i batteri e virus di solito non fanno distinzione tra etnie e religioni. L'esperienza storica ebraica è pertanto ricca di storie di epidemie, a cominciare dalla Bibbia, e insieme alle storie abbondano le prescrizioni e le interpretazioni. In questi giorni tutti pensano, tutti si fanno domande, molti, che siano laici o religiosi, si propongono come consiglieri. E questo succede anche per gli ebrei. Non che non ci sia bisogno di buoni consigli, su come difendersi e su come fare buon uso del tempo libero. Ma il rischio è come sempre quello di dire banalità.
C'è però un argomento non tanto banale sul quale l'ebraismo propone di riflettere. Ed è il tema del senso, del significato di quello che sta succedendo. Siamo tutti abituati al pensiero razionale e viviamo nella consapevolezza che mai come in questa epoca il progresso tecnologico e scientifico abbia dato all'umanità strumenti eccezionali di controllo della realtà. Tutto questo consolida una percezione della vita in cui tutto è controllato e non esistono possibilità di comprensione dei fenomeni al di fuori della dimensione del reale. L'epidemia del Covid-19 sta facendo saltare queste certezze.
Al momento attuale, malgrado le speranze offerte da qualche farmaco e da un'imminente (ma non tanto) vaccinazione, siamo sostanzialmente indifesi e l'unica difesa reale, che oggi viene applicata su scala di massa, è purtroppo solo quella dell'isolamento, con un salto indietro della medicina al medioevo. E anche se si può spiegare la natura del virus, del contagio, della resistenza di alcuni e del soccombere di altri in puri termini scientifici, non tutto si spiega con la scienza. Come in ogni altro evento alcuni vengono colpiti e altri no, e non basta dire che si tratta del caso. Perché anche il caso (o il caos, e questo oggi lo sappiamo meglio) ha le sue leggi; e il caso non significa negazione o mancanza di dimensione religiosa.
Anche il caso ha la sua spiegazione filosofica (dai tempi di Aristotele) o teologica (con Maimonide e prima e dopo). Se c'è qualcosa di non banale da dire oggi, è che il ritorno tecnologico al medioevo rappresenta tutta la nostra fragilità e che la pretesa di escludere altre dimensioni interpretative è scorretta. Per questo la ricetta religiosa tradizionale ebraica (e non solo) per queste circostanze, dopo l'ordine di seguire le prescrizioni mediche, si basa su tre punti: la solidarietà sociale (perché altri esseri umani sono più a rischio di noi), la preghiera (perché non si esaurisce tutto nella prospettiva umana) e la revisione del proprio comportamento. Che forse è la cosa più difficile da fare.
In una situazione passata in cui un rabbino aveva ricordato questi tre doveri, un suo fedele gli disse che non sapeva proprio di cosa dovesse pentirsi. E il rabbino gli rispose che era proprio di questo che doveva pentirsi: dell'incapacità di comprendere che nessuno di noi è perfetto.
* Rabbino capo di Roma
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA