Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, strade blindate e droni contro la fuga al mare: la stretta del 25 aprile

Coronavirus, strade blindate e droni contro la fuga al mare: la stretta del 25 aprile
4 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Aprile 2020, 08:20

Il diktat è impedire che i romani allentino la tenuta delle misure di contenimento proprio quando l'obiettivo del contagio zero e della ripartenza del 4 maggio è sempre più vicino. Per questo nel week-end in cui cade anche la commemorazione del 25 aprile, la Festa della liberazione, i controlli sugli spostamenti ingiustificati saranno rafforzati. Almeno duemila gli agenti tra vigili, poliziotti, carabinieri e finanzieri in campo per assicurarsi che si muova in città solo chi ne ha effettivamente bisogno o chi ha comprovati motivi di lavoro. L'ordinanza del Questore che organizza i controlli sarà messa a punto oggi, ma il sistema è già collaudato. Come in occasione della Pasqua e della Pasquetta, si moltiplicheranno i check-point lungo le direttrici fuori-porta. Tutte le consolari saranno presidiate. Con controlli a campione ma anche blocchi a imbuto di tutti i veicoli su quelle strade, a doppia carreggiata e a doppia corsia, per esempio, che lo consentano. Bisognerà scongiurare, insomma, che qualcuno non sappia resistere alla tentazione di salire in auto o di prendere un pullman o un treno per raggiungere amici o parenti altrove o le seconde case in campagna, al lago o ancora di più nelle località del litorale. Ma anche di violare i cancelli o i confini di ville o parchi: qui ci saranno anche carabinieri e poliziotti a cavallo, aiutati in cielo dai droni e dagli elicotteri.

Coronavirus Roma, negozi aperti in tre fasce orarie: forni aperti per primi, poi vestiti e librerie

Coronavirus Fase 2, come viaggeremo: su bus e treni tariffe flessibili per evitare affollamenti. E sensi unici nelle stazioni

SANZIONI SALATE
Chi non rispetterà il lockdown imposto per debellare il coronavirus sarà fermato e multato, con ammende salate che arrivano fino a tremila euro. La sanzione minima, se si viene sorpresi a spasso senza valida ragione, infatti, è di 400 euro, cifra che aumenta di un terzo se ci si sposta in moto, auto o a bordo di un mezzo pubblico. L'importo è di 533 euro. Chissà se rischieranno una maxi-multa anche coloro che da giorni, tramite le piattaforme social di tutta Italia, si rimbalzano l'invito a «uscire fuori» per il 25 aprile, una liberazione nella Liberazione. Le rivendicazioni sono apparse nei canali d'area, la galassia antagonista e dei centri sociali è in fermento. Ma le antenne di Digos e nucleo informativo sono puntate anche sulla crociata lanciata, paradossalmente, dagli ambienti di estrema destra, come Forza Nuova, il cui leader Roberto Fiore ha veicolato tramite Telegram un appello a scendere in strada, «tutti insieme» per le cinque del pomeriggio.
DESTRE E NO VAX
Una «resistenza alla quarantena» sposata in parte anche dai no-vax e che, da parte opposta, viene interpretata come il solito tentativo delle destre di oscurare la Festa della liberazione. Secondo quanto concordato con la Prefettura, calcando le direttive impartite dal Viminale, le associazioni partigiane e combattentistiche potranno partecipare alle cerimonie per il 25 aprile, «con modalità di distanziamento interpersonale compatibili con la situazione emergenziale», come scrive il capo di Gabinetto del ministero, Matteo Piantedosi in una circolare ad hoc. Non ci sarà, ovviamente, il tradizionale corteo fino a piazzale Ostiense, ma una semplice deposizione di una corona d'alloro nella mattinata. Insomma, tra domani e domenica, la cartolina di Roma sarà simile a quella scattata durante il week-end di Pasqua, con parchi, piazze e strade presidiate dalla forze dell'ordine, almeno un migliaio solamente i caschi bianchi del comandante Antonio Di Maggio che hanno rispedito al mittente l'invito di un sindacato a non effettuare i controlli anti-Covid durante le festività senza un sostanzioso aumento di stipendio, mettendosi a disposizione della collettività. Super-vigilate saranno la via del Mare, la Colombo, l'Aurelia, la Salaria e la Pontina (presidiata dalla Stradale). Ai carabinieri spetterà soprattutto il controllo nel centro città e sulle consolari. «I romani, finora, si sono comportati responsabilmente - dice Antonio Caterino, comandante del Gruppo Roma dell'Arma - serve ancora un po' di sacrificio per questo week-end e il prossimo».
A. Mar.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA