Sciopero dei trasporti Roma, corteo e stop alle auto: weekend da incubo, ecco cosa accadrà

Domani a rischio bus, tram e metro. Sabato manifestazione in Centro

Sciopero dei trasporti a Roma, corteo e stop alle auto: un weekend di disagi
di Fabio Rossi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Dicembre 2022, 06:05 - Ultimo aggiornamento: 20:00

La premessa, purtroppo abbastanza frequente nella Capitale, è chiara: il fine settimana sarà molto complicato, sul fronte della mobilità, tra lo sciopero del trasporto pubblico di domani, la manifestazione di sabato nel centro storico e la seconda domenica ecologica della stagione. Con la possibile aggravante del meteo, che in questi tra giorni prevede un'alta possibilità di piogge. Insomma, i romani dovranno nuovamente armarsi di pazienza, soprattutto nella giornata feriale di venerdì.
MEZZI A RISCHIO
Si parte proprio da domani, con lo sciopero generale indetto dai sindacati di base, che coinvolge anche il trasporto pubblico della Capitale. Dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio saranno a rischio le linee di Atac (anche quelle date in sub-affidamento), Roma Tpl e Cotral. La protesta interesserà anche il personale di Ferrovie dello Stato, dalle 21 di stasera alla stessa ora di domani. In città inoltre, nella notte tra oggi e domani, sarà a rischio il servizio delle linee bus N, mentre saranno regolari le linee di bus diurne che fanno corse anche dopo le 24. Durante lo sciopero, nelle stazioni della rete metro che resteranno eventualmente aperte, non sarà garantito il servizio di scale mobili, ascensori e montascale.

Sciopero trasporti Roma il 2 dicembre: stop a metro e bus in diverse fasce orarie


IN PIAZZA
Sabato tocca alla manifestazione nazionale, organizzata da Cobas e Usb, «contro la guerra e il carovita». Previsto un corteo, dalle 14 alle 18, che sfilerà da piazza della Repubblica a piazza di Porta San Giovanni, percorrendo viale Einaudi, piazza dei Cinquecento, via Cavour, piazza dell'Esquilino, piazza di Santa Maria Maggiore, via Merulana, viale Manzoni e via Emanuele Filiberto. Entro le 8 è prevista la rimozione dei veicoli da piazza della Repubblica e piazza di Porta San Giovanni. Previste deviazioni o limitazioni per bus e tram, e in caso di necessità potrebbe essere chiusa la fermata metro San Giovanni.

Atac, il paradosso: guasti e ritardi, ma vuole 80 milioni per il caro gasolio e le perdite dovute al Covid


L'AMBIENTE
La settimana si chiuderà con l'ultima domenica ecologica del 2022. Previsto, nella fascia verde, il divieto totale di circolazione per il traffico privato (con alcune deroghe) dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30. Tra gli esentati, che saranno comunicati in un'ordinanza del sindaco, ci sono tra gli altri i veicoli elettrici o ibridi, quelli alimentati a metano, Gpl o Bi-fuel, i veicoli con motore a benzina Euro 6, i ciclomotori con motore 4 tempi Euro 2 e successivi, i motocicli 4 tempi Euro 3 e successivi, i mezzi adibiti al trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili o trattamenti sanitari per malattie gravi. Le prossime domeniche ecologiche sono state già programmate per l'8 gennaio, il 5 febbraio e il 26 marzo 2023.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA