Tamponamento in metro, chiesti 4 rinvii a giudizio per omicidio colposo: morì una passeggera

Venerdì 27 Novembre 2015
La Procura di Roma ha chiesto di condannare a 3 anni e mezzo di reclusione i quattro imputati del processo sull'incidente della metropolitana di Roma avvenuto il 17 ottobre del 2006 e che causò la morte di un donna e il ferimento di 452 persone.
Si tratta di Angelo Tomei, macchinista del convoglio che andò a tamponare il treno fermo alla stazione Vittorio Emanuele e tre dirigenti, all'epoca dei fatti, della Metropolitana: Gennaro Antonio Maranzano, responsabile dell'area esercizio e produzione, Roberto Gasbarra, responsabile del coordinamento del movimento metropolitane, e Ernesto De Santis, capo servizio Metro A. Omicidio colposo, disastro ferroviario colposo e lesioni gravissime sono i reati contestati.

Nel corso della requisitoria il pm Elisabetta Ceniccola ha affermato che l'incidente del 17 ottobre del 2006 «prima o poi sarebbe avvenuto, è avvenuto quel giorno per la gestione negligente e colposa della metropolitana di Roma. Un servizio che va fornito prima di tutto nel rispetto della sicurezza degli utenti e del personale con il ligio rispetto delle norme che presidiano il servizio». Per la procura «non sono responsabili i macchinisti che hanno distaccato il sistema di bloccaggio dei freni perchè se lo avessero fatto avrebbero avuto procedimenti disciplinari e ciò non è avvenuto. Non sono i macchinisti che devono garantire un certo numero di corse, che sono pagati a numero di treni per chilometri percorsi: i macchinisti hanno i loro incentivi di corsa, un premio produttività alla fine dell'anno oltre allo stipendio base». Secondo il pm, «il problema è l'utilità economica della società che dipende dall'attività dei macchinisti nel modo in cui essi stessi vengono messi in condizione di svolgere il loro lavoro».
Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 15:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA