Roma, aggressione omofoba: 21enne
picchiato alla stazione Tiburtina
da un gruppo di naziskin

Lunedì 9 Aprile 2018
14
«Ecco quello che facciamo a quelli come te». E poi pugni e insulti con frasi omofobe in pieno giorno in una strada a Roma. Ad aggredirlo, giovedì scorso nei pressi della stazione Tiburtina, sono stati quattro giovani naziskin che gli hanno anche puntato un coltello alla schiena. Ci ha pensato qualche giorno, poi Federico, 21 anni, ha trovato il coraggio di sporgere denuncia ala polizia. 

LEGGI ANCHE: Roma, Inseguiti e speronati da un'auto, aggressione omofoba a 2 giovani: presi a pugni in mezzo alla strada

«Erano in quattro, sulla trentina, avevano la testa rasata e indossavano bomber neri. Uno aveva un tatuaggio sulla nuca con la croce celtica. Stavo tornando a casa dal primo giorno di lavoro - ha raccontato - quando ho girato l'angolo e mi hanno puntato un coltello alla schiena. Poi mi hanno preso a calci anche quando ero a terra. Mi hanno rubato il cellulare e il portafogli. Prima di andar via mi hanno sbattuto la borsetta in faccia. Mi sembra strano che all'ora di punta nessuno si sia accorto di nulla». Il ragazzo, che è rimasto una notte in ospedale ed è stato dimesso con 5 giorni di prognosi, ha presentato denuncia alla polizia. Gli investigatori stanno ora vagliando le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza di zona.

«È inaccettabile quanto accaduto a Federico. Roma rifiuta la violenza. I responsabili siano assicurati alla giustizia», è la netta condanna della sindaca di Roma Virginia Raggi. Solidarietà al ragazzo è stata espressa anche da Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio. Il Circolo di cultura omosessuale Mario Meli si è subito offerto per dare assistenza al 21enne. «Esprimiamo la totale e incondizionata solidarietà a Federico, attivista della Roboterie - ha detto il presidente del Circolo, Sebastiano F. Secci -. Non possiamo in alcun modo abbassare la guardia, le aggressioni a chiara matrice omofoba stanno aumentando in questi ultimi tempi. Non deve nemmeno passare in alcun modo l'idea che atti di questo tipo in fondo possano essere tollerati o ancor peggio rientrino nella normalità di una città grande e tentacolare come Roma. Noi non ci stiamo! Per quanto ci riguarda è fondamentale l'intervento politico sulla questione: è urgente una legge contro l'omo-transfobia».

Anche la senatrice del Pd Monica Cirinnà, prima fautrice della legge sulle unioni civili, condanna senza mezzi termini l'aggressione. «Il pestaggio, ad opera di un gruppo di neonazisti, indica a quali conseguenze porti il lasciare spazio a derive neofasciste. Bene ha fatto Federico a decidere di sporgere denuncia, gli sono accanto e lo incontrerò nei prossimi giorni per potergli dare tutto il sostegno possibile insieme al Circolo Mario Mieli».​ Ultimo aggiornamento: 21:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA