Roma, la Questura sempre più vicina ai cittadini: l'ufficio Relazioni con il Pubblico diventa social

Giovedì 14 Giugno 2018 di Elena Panarella

La Questura di Roma più vicina ai cittadini. È stato inaugurato questo pomeriggio il rinnovato Ufficio Relazioni con il Pubblico (Urp). Il recente trasferimento dei locali al piano terra in via di S. Vitale ha fatto sì che il cittadino possa essere accolto in spazi più ampi e confortevoli. Il rinnovamento, però, non ha riguardato soltanto l’ubicazione: l’Urp, infatti, grazie ad una serie di iniziative, diventa più efficiente nel fornire ausilio al cittadino. «L’Urp è il biglietto da visita della Questura - ha sottolineato il questore Guido Marino - È un ufficio che informa, accompagna e consiglia. Se ciò avviene in una struttura accogliente, che fa sentire a proprio agio il cittadino si fa la cosa giusta».
 

 

Tra le principali novità, un opuscolo, nel quale sono racchiuse le risposte alle principali domande che quotidianamente vengono rivolte al personale in servizio. Questo piccolo manuale di “istruzioni per l’uso” rappresenta non solo un modo per far conoscere i servizi che la Questura offre, ma per renderli ancora più fruibili ed accessibili, aiutando l’utente a destreggiarsi di fronte ad alcune procedure burocratiche. La brochure potrà essere scaricata anche dal sito istituzionale, dove sono illustrate le principali attività che fanno capo all’Urp.

«Le novità non sono solo nei nuovi uffici - spiega Sarah Scola, responsabile Relazioni Esterne della Questura - ma nelle nuove iniziative che abbiamo ideato con tutti i colleghi per agevolare più possibile i cittadini anche con la realizzazione di una brochure, una sorta di linea guida che racchiude indicazioni fondamentali per le persone: da come fare il passaporto a altre indicazioni dettagliate. Questo opuscolo sarà distribuito in tutti i commissariati e si potrà trovare anche sul nostro sito della polizia». Un Ufficio Relazioni con il Pubblico, quindi, sempre più social, presente anche su Facebook, dove il cittadino potrà avere risposte in tempo reale, digitando i quesiti attraverso un “chatbot”, un’applicazione che sfrutta l’intelligenza artificiale per fornire agli utenti un servizio di conversazione istantanea. Il cittadino pone delle domande ed il Bot è in grado di comprendere il significato per fornire automaticamente la risposta più pertinente. Il vantaggio è quello di riuscire a rispondere ai dubbi ed alle domande dei cittadini praticamente in tempo reale, senza recarsi agli sportelli o evitando attese alle utenze telefoniche. Un tutorial pubblicato sul sito della Questura darà assistenza all’utente nell’utilizzo dell’applicazione.

Ultimo aggiornamento: 21:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA