ROMA

Roma, torna in carcere l'untore hiv che ha contagiato 43 donne

Mercoledì 25 Maggio 2016
12

Se non è un'epidemia poco ci manca. È quella che ha rischiato di provocare Valentino Talluto, il 32enne romano che, pur consapevole della propria sieropositività, non ha esitato ad avere rapporti sessuali non protetti con donne, molte delle quali conosciute per chat, alle quali ha trasmesso il virus HIV. Arrestato il 24 novembre scorso con l'accusa di lesioni gravissime nei confronti di sei donne, all'uomo è stata notificata una seconda misura restrittiva con un «aggiornamento» della situazione.

Ora sono 43, complessivamente, i casi di contagio diretti (una trentina), indiretti (un bimbo e 3 partner maschili di donne in precedenza contagiate) e di donne scampate all'infezione, contestati a Talluto. Nell'ordinanza firmata dal gip di Roma Francesco Patrone si configura ancora il reato di lesioni gravissime, ma l'uomo è indagato dalla procura anche per epidemia dolosa. Un'ipotesi non configurata dal gip per l'esiguità delle persone coinvolte nella vicenda, ma che tornerà quasi certamente di attualità in sede di richiesta di rinvio a giudizio dell'indagato. Tra gli episodi contestati a Talluto, a partire dall'aprile del 2006 e fino al 23 novembre scorso (giorno precedente il suo primo arresto), anche il caso di un bambino, figlio di una straniera da lui contagiata anni prima, al quale è stato diagnosticato il virus Hiv all'età di otto mesi, unitamente all'encefalopatia, causalmente riconducibile, è detto in uno dei capi di imputazione, allo stato di sieropositività contratto dalla madre durante il parto. Altro caso emblematico è quello di una donna in stato di gravidanza che ha avuto la fortuna di scampare al contagio dopo aver avuto rapporti sessuali con Talluto. Una inchiesta delicata e complessa, quella condotta dalla procura di Roma, sopratutto perchè gli inquirenti hanno dovuto contattare le ragazze, in molti casi giovanissime, e raccontare loro chi realmente fosse quel ragazzo conosciuto in chat.

Con alcune delle sue partner, l'uomo ha stabilito anche relazioni più durature senza però mai raccontare come stavano realmente le cose. Anche quando è stato interrogato l'uomo ha negato di essere affetto dal virus per poi crollare e ammettere tutto. Secondo quanto accertato Talluto, già a 21 anni era a conoscenza del suo stato di salute. Dal 2006 però ha continuato, forse per puro egoismo, ad avere incontri sessuali con un numero di donne che rimane, tuttora, ancora non definitivo

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 08:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma