Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fiocchi rossi incorniciano due palazzi di Roma. Installazioni per celebrare il Natale

Fiocchi rossi incorniciano due palazzi di Roma. Installazioni per celebrare il Natale
di Paolo Travisi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Dicembre 2018, 18:36 - Ultimo aggiornamento: 18:37

Infiocchettati come due regali di Natale. Solo che non sono due pacchi regalo, ma due edifici, Palazzo Argonauta e Palazzo Lafuente, entrambi a Roma, coperti di un enorme fiocco rosso gonfiabile: si chiama The Biggest bows, un’installazione ideata dallo studio Thirtyone Design per Valle Giulia Real Estate, visibile per tutto il periodo delle feste e fino al 15 gennaio.
Il progetto, che con le due installazioni, celebra il Natale nel suo colore più tradizionale, il rosso acceso, assume una bellezza maggiore, di notte, quando l’illuminazione interna ai due fiocchi illumina le due facciate degli edifici.

Infatti per realizzare i fiocchi, sono stati impiegati studi strutturali e complessi calcoli dei venti, oltre ai necessari test illuminotecnici. “Due installazioni ambiziose, rese possibili grazie a un importante lavoro di squadra”, spiega Claudia Campone di Thirtyone Design.
Su Palazzo Fuente in particolare (che si trova a Parco de’ Medici) i due fiocchi, dalle misure notevoli (uno misura 30metri per 7, l’altro 10x7), sono stati installati su entrambi i lati dell’edificio, mentre nel giardino è stato realizzato un enorme rocchetto di nastro rosso con un paio di forbici. L’idea molto fantasiosa intende quasi suggerire a chi guarda, che un ipotetica gigante abbia lasciato nella notte le sue opere, pronto a tornare per completare la decorazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA