Grandi video per piccoli smartphone: alla Casa del cinema il primo Festival di «Mobile journalism»

Venerdì 21 Settembre 2018 di Valentina Tocchi
Nico Piro ed Enrico Farro nel seminario sul giornalismo mobile  presso la Casa del Cinema di Roma
Una tre giorni a tutto smartphone, tra seminari, incontri streaming e persino un concorso in estemporanea per creare “grandi video” con l'ausilio di “piccoli telefoni".

Ha debuttato oggi alle 14.00  alla Casa del Cinema di Villa Borghese la prima edizione del Mojo Festival, concorso di giornalismo mobile, che terminerà il 23 settembre prossimo. 

Il festival,  diretto da Nico Piro, inviato del Tg3 e pioniere del mobile journalism, e organizzato da Lazzaro Pappagallo di Stampa romana ed Enrico Farro di Associazione filmaker con il patrocinio di Roma Capitale, vedrà avvicendarsi 15 seminari gratuiti a uso e consumo di giornalisti - per i quali la frequenza ai corsi consentirà di accumulare crediti formativi professionali -  ma anche di  aspiranti cronisti e semplici appassionati.

<
«Questa iniziativa nasceva come una scommessa ma, insperatamente, ha  già raccolto grande consenso» ha raccontato stamane Nico Piro. «I seminari, da quelli sull'introduzione al giornalismo mobile fino a quelli sulle fake news o quelli sul come realizzare le dirette sui social network dal proprio smartphone - sono già quasi completamente esauriti.  Pensate che solo nel pomeriggio di oggi attendiamo circa 200 colleghi» hanno  proseguito gli organizzatori che, stando alle prenotazioni online, attendono l'arrivo di circa un migliaio di visitatori nei tre giorni. 
«Grazie alla presenza di molti sponsor, oltre ai seminari abbiamo potuto creare un concorso in estemporanea per i nostri “mojoers” - neologismo per indicare i “mobile journalist”, n.d.r. - che hanno 24 ore per creare con i loro telefonini un video sul tema “Sogni e passioni straordinarie”» hanno spiegato Piro e Lazzaro Pappagallo. 
I video più interessanti verranno premiati domani sera nella sala Deluxe della Casa del Cinema da una giuria presieduta dal corrispondente Sky Pio d'Emilia, mentre la serata sarà presentata dal volto del Tg3 Cristina Palazzoni. Per i primi classificati ci sono in palio le preziose sculture dell'artista Glauco Cambi oltre a una serie di attrezzature - lenti grandangolari e teleobiettivi, microfoni e supporti - fornite dalla più grandi aziende internazionali e pensate appositamente per potenziare le capacità di registrazione video e audio dei propri cellulari. 
Tra seminari e concorsi, non mancherà anche una interessante lectio magistralis dell'ex direttore editoriale della Rai, Carlo Verdelli, che questa sera,  dalle 20.30 in poi,  spingerà all'estremo le frontiere del giornalismo in punta di telefonino parlando di fake news e post verità nell'era digitale. 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA