Roma, isole pedonali nei mercati rionali e aumenteranno i banchi: via al progetto

Roma, isole pedonali nei mercati rionali e aumenteranno i banchi: via al progetto
4 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 07:23

Diventeranno pedonali (almeno nelle ore mattutine) le strade attorno ai mercati rionali della Capitale. E l'obiettivo del piano del Comune è duplice: facilitare l'accesso ai banconi da parte dei clienti e, soprattutto, creare nuovi per ospitare ulteriori postazioni e ampliare l'offerta dei mercati stessi.
L'idea è venuta all'assessore al Commercio, Monica Lucarelli, che ieri ha ufficialmente scritto ai Municipi per farsi indicare in tempi brevi le strade che andranno chiuse. Ma l'interlocuzione tra il Dipartimento Commercio e le ex Circoscrizioni è già in atto da qualche settimane. Infatti sarebbero pronte già le prime ipotesi.
Tra le aree intorno ai mercati da pedonalizzare si guarda, nel XII Municipio, alla zona del mercato di San Giovanni di Dio e più precisamente al tratto della piazza antistante ai box. Ma potrebbe essere inibita alla circolazione delle auto anche una parte di via Ghislieri.

Crisi, la spesa diventa “last minute”: code per i prodotti in scadenza. «Nei mercati rionali tutti in fila per lo sconto»

Nel V Municipio potrebbe cambiare la viabilità intorno al mercato di villa Gordiani: in questo caso diventerebbe pedonale via Cherso. Al VII si valutano gli spazi intorno al mercato dei Tribuni, inibendo il passaggio delle macchine in alcuni pezzi dell'omonima piazza. A poca distanza, all'VIII Municipio, si sta ipotizzando di chiudere via Filippi oppure una parte di via Efeso per ampliare i banchi al mercato Corinto. Sempre restando nella parte Est della Capitale, e più precisamente in relazione al mercato Talenti, il divieto di accesso dovrebbe riguardare via Luigi Pirandello.

Le amministrazioni dei Municipi, dopo aver valutato le modifiche alla viabilità con i Gruppi della polizia locale, presenteranno nei prossimi giorni all'assessore Lucarelli le loro proposte d'intervento. Ma tutte le parti vogliono concludere l'iter velocemente, anche perché c'è da risolvere una questione lasciata in eredità alla giunta Gualtieri dalla precedente amministrazione: la gestione delle postazione a rotazione.
A Roma su 12mila licenze per il commercio su spazi pubblici, circa un migliaio sono destinate ad ambulanti. Al riguardo le associazioni di categoria lamentano che almeno un terzo di queste postazioni spesso gravitano su aree poco popolose, garantendo ai venditori incassi molto bassi. Per evitare nuovi contenziosi - e in attesa dei nuovi bandi per l'assegnazione imposti dalla direttiva Bolkenstein - l'attuale amministrazione guarda alle strade da pedonalizzare intorno ai mercati rionale per ospitare i bancali degli ambulanti. Ma parallelamente chiede ai commercianti di vendere prodotti di qualità e tipici in modo che gli stessi mercati possano diventare delle attrazioni turistiche, in una Roma che è ormai meta di vacanzieri in tutto l'anno.
Più in generale l'obiettivo dell'assessore Lucarelli è pedonalizzare queste vie dalle 7 alle 14, cioè durante l'orario di apertura di vendita. Ai banchisti l'amministrazione chiederà di tenere pulite queste aree e di creare accessi più comodi per i disabili e gli anziani.


RISTRUTTURAZIONE
A Roma i mercati rionali sono 69, 29 dei quali coperti, concentrati in larga parte in due Municipi, il I e il II, con 7 strutture ciascuno. Il 70 per cento dei banchi offrono prodotti alimentari (pane, frutta, verdura, carne e pesce). Nel 2021 questi commercianti hanno segnato una crescita dei volumi di vendita del 3 per cento, che però si è affievolita quest'anno. Per rilanciare il settore il Comune vuole accelerare il restyling di alcune strutture (Alberone, San Giovanni di Dio o Colli Albani) e in collaborazione con i Municipi lanciare i lavori per sistemare i bagni, installare impianti fotovotaici o centraline del wi-fi.
F. Pac.

© RIPRODUZIONE RISERVATA