Rieti, il saluto del questore Di Lorenzo ai dipendenti della pubblica sicurezza che vanno in pensione

Il questore con i neo-pensionati
3 Minuti di Lettura

RIETI - Con una breve cerimonia, limitata dalle norme anti Covid-19, il Questore di Rieti, Maria Luisa Di Lorenzo, all’interno della Sala Palieri della Questura di Rieti, alla presenza di una rappresentanza della Polizia di Stato, ha salutato alcuni dipendenti che hanno lasciato l’Amministrazione della Pubblica Sicurezza per raggiunti limiti di età, consegnandogli una medaglia di commiato inviata loro dal Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza.

Il Questore di Rieti, ha ricordato il loro operato ed il loro percorso professionale nella Polizia di Stato, ringraziandoli per il costante apporto offerto durante gli impegnativi anni trascorsi nella famiglia che ha l’onore di dirigere, dimostrando sempre, un grande professionalità, senso civico e una totale abnegazione al servizio.

I riconoscimenti sono stati consegnati al Commissario Capo Maria Rita Cesarini, al Sovrintendente Capo Coordinatore Massimo Nobili, al Sovrintendete Capo Tecnico Coordinatore Sanitario Rita Camilletti ed all’Assistente Capo Coordinatore Egizia Blasetti.

Il Commissario Capo Cesarini è entrata nella Polizia di Stato come Agente, nel 1986, nel primo corso di formazione al quale sono state ammesse le donne in applicazione della legge di riforma del 1981, per essere destinata al Commissariato San Basilio di Roma dove ha espletato attività di Polizia Giudiziaria, prima di risultare vincitrice del concorso per Ispettori. Dal 1989, inviata dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza alla Questura di Rieti, ha ricoperto molteplici incarichi, da un lungo periodo alla DIGOS reatina, all’Ufficio di Gabinetto dove, per molti anni, ha partecipato alle attività di coordinamento delle Forze di Polizia, in materia di ordine e sicurezza pubblica, per la provincia di Rieti.

Il Sovrintendente Capo Coordinatore Nobili, invece, in Polizia di Stato dal 1983, ha acquisito esperienza per alcuni anni in vari Commissariati della Capitale, da S. Lorenzo a Ponte Milvio, prima di essere trasferito alla Questura di Rieti per espletare attività di controllo del territorio a bordo delle Volanti e poi alla D.I.G.O.S. dove, per quasi trent’anni, si è occupato di tutte le attività informative ed investigative connesse alla sicurezza pubblica nel territorio reatino.

Più recente invece la carriera del Sovrintendente Capo Tecnico Coordinatore Camilletti che, assunta nel 2000 nel settore tecnico per le delicate attività connesse alla tutela sanitaria del personale della Polizia di Stato, ha espletato la sua attività a Campobasso e nella Sala Medica della Questura di Rieti, oltre a collaborare con l’Ufficio Personale della locale Questura nella importante gestione delle attività connesse al rapporto di lavoro sia dei poliziotti che del personale dell’Amministrazione Civile dell’Interno in servizio in questa provincia.

L’Assistente Capo Coordinatore Blasetti, infine, è stata omaggiata della medaglia di commiato dopo oltre 30 anni di servizio espletati prima a Roma, presso l’Ispettorato Viminale e poi a Rieti, in Questura, dove ha ricoperto numerosi incarichi all’Ufficio Personale, all’Ufficio Immigrazione ed oltre 16 anni alla locale D.I.G.O.S., impegnandosi nelle complesse attività informative ed investigative della Polizia di Stato.

Martedì 18 Maggio 2021, 13:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA