Il piano di Macron per controllare l'Islam in Francia parte dalla trasparenza finanziaria delle moschee

Parigi - Venti pagine per rendere trasparenti le organizzazioni musulmane francesi, partendo dalla trasparenza finanziaria di tutte le moschee e dei centri islamici presenti in Francia.  Il quotidiano Le Monde svela la struttura base del piano studiato dal presidente Emmanuel Macron per regolamentare il culto musulmano nel tentativo di rendere sempre più integrate le comunità.  A stendere il testo è stato Hakim El Karoui, uno dei collaboratori più stretti del capo dell’Eliseo. Dalle indiscrezioni si capisce che Macron vuole creare un’associazione gestita da francesi musulmani incaricata di stipendiare e controllare  gli imam, di rinnovare  le moschee e gestire in prima persona la loro comunicazione. A finanziare questa realtà neutrale saranno i proventi che derivano da una tassa sugli alimenti halal e sui pellegrinaggi alla Mecca e dalla defiscalizzazione delle donazioni dei fedeli. Hakim El Karoui, è  l’autore di un importante rapporto sui musulmani fatto nel 2016 per l’Institut Montaigne. Attualmente le istituzioni musulmane francesi non funzionano tanto bene perchè sono in balia delle diverse comunità (algerini, marocchini, tunisini e turchi) tra loro rivali.
 
Gioved├Č 5 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:02

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-07-08 07:07:07
l'invasione islamica deve essere bloccata. Salviamo l'Occidente dall'islam dal terrorismo, dall'odio e dal jihadismo coranico. Basta !!!!
QUICKMAP