Tumori e malattie, al Sud si muore di più: fino al +28% di decessi

In Italia si muore meno per tumori e malattie croniche ma solo dove la prevenzione funziona, ovvero principalmente nelle regioni settentrionali. Al Sud, invece, la situazione è opposta: il tasso di mortalità per queste malattie è infatti maggiore di una percentuale che va dal 5 al 28% e la Campania è la regione con i dati peggiori. A sottolinearlo è il direttore scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla salute delle regioni italiane, Alessandro Solipaca, in occasione della presentazione del Rapporto Osservasalute.

Il dato considerato, spiega Solipaca, «è quello della mortalità precoce, dai 30 ai 69 anni, per varie patologie come tumori, diabete e malattie croniche e cardiovascolari: tale mortalità è diminuita negli ultimi anni ma maggiormente al Nord, dove maggiori e più efficaci risultano i progetti di prevenzione». I dati relativi al Meridione, invece, sono di segno opposto: «La situazione più grave è in Campania dove - afferma l'esperto - si registra un +28% di mortalità per tali malattie rispetto alla media nazionale del 2,3%; in Sicilia la mortalità è del +10%, in Sardegna è del +7% ed in Calabria è del +4,7%. Eccezione è la Puglia dive, invece, il tasso di mortalità è nella media nazionale». Dunque, rileva il Rapporto, «laddove la prevenzione funziona, la salute degli italiani è più al sicuro, con meno morti per tumori e malattie croniche come il diabete e l'ipertensione: diminuiti del 20% in 12 anni i tassi di mortalità precoce per queste cause». Si conferma dunque il «profondo divario fra Nord e Meridione» e «paradigmatica è la sopravvivenza per tumori: nel Centro-Nord la sopravvivenza è largamente omogenea per tutte le sedi tumorali esaminate, indicando una sostanziale equivalenza non solo dei trattamenti, ma anche delle strategie di diagnosi, mentre al Sud e Isole risulta generalmente inferiore alla media».

Per quanto riguarda i tumori oggetto di programmi di screening, gli effetti dell'introduzione di misure efficaci di prevenzione secondaria sono visibili nelle aree del Paese dove si è iniziato prima e dove la copertura è ottimale. Una minor copertura di popolazione e una ritardata implementazione degli screening, avverte il Rapporto, «sono fattori da considerare per spiegare le diverse performance osservate nel Paese»: ad esempio nella PA autonoma di Trento lo screening preventivo per il tumore del colon retto raggiunge una copertura del 72% della popolazione, mentre in Puglia la copertura degli screening preventivi per questo tumore arriva appena al 13%. Le regioni con la mortalità precoce più bassa sono state l'Umbria (204,7 per 10.000), l'Emilia-Romagna (205,8 per 10.000) e il Veneto (206,9 per 10.000).(
Giovedì 19 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 20-04-2018 09:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-04-19 21:10:47
con l'inquinamento dei terreni della Campania, con scorie provenienti dal centro - nord, si sono avuti più tumori dell'Africa interna e molti amministratori hanno le loro colpe, ma questi ormai vivono lontano dalla terra trasformata da felix a terra avvelenata
2018-04-19 17:53:25
Dopo il commento di Gamberoni, c'e gente al sudsud che vota Lega, ma...................
2018-04-19 13:28:58
al sud vanno piu pensioni ed al sud si muore di piu. Ogni giorno una tragedia colpa di una politica assistenzialista ed assente
2018-04-19 13:25:03
Aggiungerei anche per colpa di una sanità molto scarsa se non pessima!
2018-04-19 13:18:52
Però la tendenza nazionale è quella di livellare al ribasso la qualità, perchè si taglia (a Nord) negli investimenti sanitari, e gli ospedali migliori sono oberati di pazienti (anche da Sud) ed i tempi di prenotazione si allungano, i triage dei pronto soccorso si fanno già selettivi, e sono notizie fresche di persone giovani morte (nel Nord) perchè rispedite a casa senza accorgersi che avevano una gravissima emergenza.
QUICKMAP