Fico: «Rinuncio all'indennità». E va in Parlamento in bus. Il Pd: solo spot, in 5 anni ha speso 15mila euro di taxi

Fico: «Rinuncio all'indennità». E va in Parlamento in bus. Il Pd: solo spot, in 5 anni ha speso 15mila euro di taxi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Marzo 2018, 13:00 - Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 15:40

La seconda giornata di Roberto Fico da presidente della Camera si apre con una foto a bordo di un bus Atac, direzione Montecitorio, e si chiude con l'annuncio che rinuncerà totalmente all'indennità prevista per la funzione ricoperta.

«Direzione Camera dei Deputati»: è la didascalia scritta da Roberto Fico sotto una foto postata stamani su Instagram in cui si vede il neopresidente scendere da un autobus dell'Atac a Roma. 

LEGGI ANCHE: Chi è Yvonne: la compagna conosciuta alle medie
LEGGI ANCHE: Roberto Fico, dall'occupazione del tetto alla vetta di Montecitorio
 

 
 
 

Direzione Camera dei Deputati

Un post condiviso da Roberto Fico (@robertofico) in data:



Fico, che nel suo primo discorso da presidente ha annunciato un taglio dei costi della politica, sabato era già andato a Napoli in treno in seconda classe subito dopo l'elezione allo scranno più alto di Montecitorio. 

Poi, in serata, l'annuncio al Tg1: «Rinuncio totalmente alla mia indennità di funzione da presidente della Camera. L'epoca dei privilegi è finita, dobbiamo tagliare i costi della politica e razionalizzare i costi della Camera». Sul reddito di cittadinanza sottolinea che «la lotta alla povertà è una priorità del nostro Paese» così come «dare sostegno a chi è in difficoltà». E sul futuro governo: «Ho grande fiducia in Mattarella con cui ho avuto un colloquio cordiale». Fico assicura che da presidente «di tutti» garantirà «maggioranza e opposizione».

Ma sulle sue prime mosse «anti-casta» è subito scattata la polemica degli avversari. Il sito legato ai dem «Socialisti gaudenti» ha ironizzato sull'amore di Fico per il trasporto pubblico: «Il neopresidente della Camera, è andato al lavoro in bus. A parte i rischi per la sicurezza non c'è nulla di male, anche se dai dati (se corretti) presi su maquantospendi.it, risulta che l'onorevole Fico, nel 2017, il bus non l'abbia preso quasi mai (preferendo il taxi). Più che una vecchia abitudine è stata una bella trovata pubblicitaria».

I conti li ha fatti la deputata Alessia Morani: «Se non ha cambiato abitudini e ha continuato a venire a Montecitorio con l'autobus, in questi 5 anni come ha fatto a spendere 15.180,60 euro di taxi e solo 314 di bus e Metro? Ci potrebbe spiegare? Grazie». Si vedrà nei prossimi giorni se Fico tirerà dritto per la sua strada o se accetterà scorta e auto blu, che la legge impone a chi ricopre una carica istituzionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA