GOVERNO

Casellati, incarico esplorativo mirato. Due giorni per verificare l'ipotesi di governo centrodestra-5 Stelle

Mercoledì 18 Aprile 2018
68
Casellati convocata al Quirinale: in pole per l'incarico esplorativo

Incarico esplorativo mirato a Casellati. Mattarella ha ricevuto la presidente del Senato al Quirinale e le ha affidato il compito di verificare l'esistenza di una maggioranza parlamentare tra i partiti della coalizione di centrodestra e M5S. Casellati dovrà riferire entro venerdì: due giorni per verificare la possibilità di dare concretezza all'ipotesi di governo tra pentastellati e Lega-Fi-FdI.

LEGGI ANCHE Il calendario delle consultazioni:

LEGGI ANCHE Casellati azzera le aspirazioni di Salvini e Di Maio

LEGGI ANCHE Il difficile sentiero tra i veti 5Stelle e l'urgenza del Colle

Queste le prime parole di Casellati: «Ho ringraziato per la fiducia Mattarella che terrò costantemete aggiornato. Intendo svolgere l'incarico con lo stesso spirito di servizio che ha animato in queste settimane il ruolo di presidente del Senato. Sarete informati del calendario degli incontri che avverranno in tempi molto rapidi».

«Per la Lega è positivo l'incarico alla presidente Casellati perché il perimetro di un governo di centrodesrera-5 stelle è esattamente quello deciso dal popolo italiano. La Lega è pronta a governare anche oggi, basta che gli altri smettano di litigare», è il commento del Carroccio.

Casellati è espressione della coalizione risultata prima alle elezioni con il 37% dei voti. Secondo Mattarella non si può non partire da qui, tra l'altro l'idea piace anche a Salvini. Perché anche i 5Stelle hanno contribuito (compatti) all'elezione della Casellati pur se molto vicina a Silvio Berlusconi. Perché sono numerosi i precedenti (Amintore Fanfani, etc.) in cui la seconda carica dello Stato è riuscita ad aggirare veti e ad abbattere muri, per poi tornare al Quirinale e offrire al capo dello Stato le chiavi per la soluzione della crisi.

Nell'87 riuscì a un'altra donna, Nilde Iotti (da presidente della Camera), che portò alla formazione del governo del quarantaquatrenne Giovanni Goria, il presidente del Consiglio più giovane della storia repubblicana (fino ad allora). 

Ultimo aggiornamento: 16:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma