Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa, uccise il fidanzato sotto la doccia: incastrata
dalle foto cancellate dalla macchina fotografica

Jodi Arias e Travis Alexander (MySpace)
2 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Luglio 2015, 09:06 - Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 22:17
Sono state le fotografie scattate prima dell'omicidio a incastrare Jodi Arias, la donna a processo per aver assassinato il suo fidanzato Travis Alexander negli Stati Uniti. La polizia, infatti, ha recuperato da una macchina digitale immagini esplicite di loro due mentre fanno sesso e della vittima lasciata piena di sangue sotto la doccia.

Travis è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa, accoltellato più volte e quasi decapitato prima di essere lasciato morto nella sua doccia.

Nelle foto che lei aveva cancellato si vede il ragazzo ancora vivo mentre si mette in posa sotto l'acqua e poi un'immagine finale raccapricciante con il cadavere e l'acqua della doccia tinta di rosso per il sangue.



Travis Alexander, 30 anni, era un addetto al marketing che viveva a Mesa, in Arizona. Era anche un mormone praticante. Nel settembre 2006 ha incontrato Jodi Arias, 27 anni, in una conferenza a Las Vegas. Jodi era una commessa che viveva in California e aveva una passione per la fotografia. I due hanno cominciato a frequentarsi, ma il rapporto si è rivelato presto burrascoso. Lui l'ha lasciata, ma ha continuato ad avere rapporti sessuali con lei di nascosto. Tutto questo fino a quando lei non si è presentata a casa sua e lo ha ucciso. Nel 2013 è stata condannata all'ergastolo evitando la pena di morte, ma ha cambiato look e continua ad attirare i media.