Per staccare la spina in Gran Bretagna basterà l'ok di medici e famiglia

Lunedì 30 Luglio 2018
Suicidio assistito, l'Alta corte in Gb: «Decideranno i medici di famiglia»

Diventa molto più facile staccare la spina ai pazienti che versano in stato vegetativo nel Regno Unito. Lo ha stabilito la Corte suprema britannica con una sentenza storica, in base alla quale non sarà più chiesta l'autorizzazione legale per interrompere l'alimentazione artificiale dei malati e basterà quindi un accordo tra i medici e i familiari. Sino ad oggi, invece, era necessario l'intervento della Court of Protection, che doveva esprimersi sui singoli casi, lasciando passare mesi e talvolta anni prima che si arrivasse a un pronunciamento finale, per di più pesando sulle tasche delle famiglie con ingenti costi legali. 

LEGGI ANCHE Dj Fabo, il pm: «Cappato lo ha aiutato a esercitare il diritto alla dignità»
LEGGI ANCHE Dj Fabo, il governo si costituisce alla Consulta: difenderà la legge contro l'aiuto al suicidio

Nell'annunciare la sentenza, il magistrato Lady Black, ha sottolineato che non si incorre in una violazione della Convenzione per i diritti umani, nello staccare la spina, qualora le condizioni del paziente appaiono irreversibili dal punto di visto medico e non ci siano quindi prospettive di una ripresa di coscienza. Il caso che ha permesso questa decisione è quello di un 52enne colpito da un grave attacco di cuore, con conseguente danno cerebrale. L'uomo, di cui la stampa del Regno non rivela il nome per motivi di riservatezza, dallo scorso giugno si trovava in stato vegetativo. La sua famiglia, di fronte ai lunghi tempi di attesa per l'autorizzazione a staccare le macchine per tenerlo in vita, si è quindi rivolta alla giustizia del Regno.

LEGGI ANCHE Il web piange il piccolo Alfie: «Riposa in pace guerriero»
LEGGI ANCHE «Alfie sta morendo, niente trasferimento in Italia». Il padre: è omicidio, colpevoli tre medici

 Nel frattempo l'uomo è deceduto ma il procedimento è andato avanti e ora la vittoria ottenuta dai suoi legali potrebbe cambiare la sorte di migliaia di persone che si trovano in condizioni irreversibili negli ospedali e nelle case di cura del Paese. Si parla di 1500 nuovi casi ogni anno solo in Inghilterra e Galles, rispetto ai quali ora si potrebbe utilizzare il pronunciamento della Corte Suprema. Se le associazioni in favore del fine vita esultano, quelle anti-eutanasia sono però insorte. Il dottor Peter Saunders, direttore del gruppo contro la morte assistita 'Care Not Killing', si è detto «molto preoccupato e deluso per la decisione della Corte suprema», in quanto così i «pazienti saranno di fatto affamati e disidratati fino alla morte». Immediata la risposta dell'associazione 'Compassion in Dying', secondo cui, invece, la sentenza permetterà alle persone più vicine al malato - quindi i parenti e il suo team medico - di prendere la decisione nel migliore dei modi, anche se si dovesse trattare di quella più difficile.​​

Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 13:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma