Attentati in Spagna, il piano fallito: tre stragi, Sagrada Familia nel mirino

Domenica 20 Agosto 2017 di Paola Del Vecchio

BARCELLONA Dovevano essere tre attacchi simultanei devastanti, capaci di riprodurre l'orrore delle Torri Gemelle. Il primo, contro un simbolo della cristianità, la Sagrada Familia, la gigantesca cattedrale modernista di Gaudí nel cuore dell'Eixample, in costruzione dal 1882, visitata ogni anno da 4,5 milioni di persone. Il secondo, sulle emblematiche Ramblas, per colpire la fiumana continua di turisti, almeno 300mila al giorno, provenienti da tutto il mondo. Il terzo avrebbe dovuto spazzare via la vita di migliaia di bagnanti che affollano il porto turistico della Barceloneta, icona della movida catalana risorta dopo le Olimpiadi del 1992. Era il folle obiettivo nei piani della cellula jihadista di almeno una dozzina di insospettabili terroristi in erba, istruita dall'imam Abdelabaki El Satty. Per centrarlo, assicurano fonti dell'inchiesta, avevano tentato di affittare un grosso tir, senza riuscirci, perché nessuno dei componenti della cellula era in possesso di una patente guida per mezzi speciali. Hanno ripiegato allora su tre furgoni - noleggiati a un'impresa di Santa Perpetua de la Mogoda - per imbottirli degli ordigni preparati nel covo laboratorio di Alcanar, a Tarragona. Bombe a base di Tatp, l'esplosivo usato dall'Isis e ribattezzato la madre di Satana, ritrovato dagli artificieri del Tedax nel covo. E' un'impronta chiara della matrice degli attacchi. E il suo effetto letale doveva essere amplificato da un centinaio di bombole di gas caricate sui tre van, con i quali i terroristi dovevano immolarsi contro gli obiettivi.

IL PIANO B
Una strategia molto più sanguinaria e feroce di quella poi attuata come piano B, dopo che la santabarbara di Alcanar è saltata in aria, mercoledì sera, mentre i terroristi manipolavano gli ordigni. Un incidente provvidenziale, che ha salvato la Sagrada Familia - dove oggi sarà celebrata una messa di suffragio per le vittime degli attentati - ed evitato il danno ancora più letale pianificato negli attacchi. L'imam Abdelabaki El Satty sarebbe rimasto dilaniato nell'esplosione, che ha provocato due morti e una dozzina di feriti. Fra questi, Mohammed Houlikemlal, detenuto in ospedale, che si è rifiutato di aprire bocca alle domande degli inquirenti. Perché intanto i complici avevano deciso di improvvisare alla disperata un piano alternativo: mietere morti con il furgone, senza ordigni a bordo, lanciato a tutta velocità sulla fiumana di passanti lungo la Rambla de las Flores, all'altezza del mercato della Boqueria, il luogo di massima affluenza della passeggiata sull'avenida.
Un'emulazione delle stragi della Promenade di Nizza del 14 luglio 2016 e di quella al mercato natalizio di Berlino. Younes Abouyaaqoub, stando agli ultimi sviluppi, potrebbe essere l'uomo che era alla guida del Fiat bianco, che non ha terminato la tragica corsa contro un chiosco, ma è stato frenato dalla montagna di corpi falciati sul percorso. L'autista è riuscito a fuggire e ancora oggi, 4 giorni dopo l'attentato, non è certa la sua identificazione. Intanto, altri cinque membri del commando, scappati a bordo di un'Audi A3, hanno raggiunto Cambrils, a una quarantina di km da Barcellona, per seminare terrore e morte nel porto turistico, come possibile alternativa a quello della Barceloneta. Senza esplosivi né armi, ma impugnando coltelli e un'ascia, hanno investito e pugnalato quanti hanno incrociato sul cammino, sapendo che la fine della loro corsa era vicina. Hanno forzato un posto di blocco e travolto una pattuglia dei Mossos d'Esquadra. Un agente ha aperto il fuoco e centrato 4 dei terroristi, mentre l'Audi si ribaltava, fra le grida di panico della gente, che correva nei bar e sulle barche ormeggiate nel porto a ripararsi. Dall'auto è sceso ancora vivo uno degli jihadisti, che con un coltello si è avventato su alcuni passanti e ha sgozzato una donna, poi morta in ospedale, prima di essere a sua volta abbattuto dalla polizia. Quattordici morti e oltre cento feriti il bilancio finale degli attacchi. Una carneficina, comunque contenuta rispetto a quello che doveva essere uno degli attentati con il maggior numero di vittime della storia d'Europa.

E non mancano le polemiche. La sindaca di Barcellona, Ada Colau, è accusata di non aver dato seguito a una nota del ministero dell'Interno che nel dicembre scorso - dopo gli attacchi di Nizza e Berlino - aveva raccomandato di far installare dei dissuasori a difesa della Rambla. La Colau si difende affermando che i dissuasori avrebbero «limitato la libertà» senza certezze sulle loro efficacia, in quanto i terroristi avrebbero potuto utilizzare una delle vie laterali.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma