Siria, attivista dell'opposizione e sua figlia trovate assassinate in casa a Istanbul

Venerdì 22 Settembre 2017
La dissidente siriana Orouba Barakat e la figlia Hala sono state assassinate da ignoti e trovate morte nel loro appartamento a Istanbul, dove erano rifugiate. A parlarne è l'emittente araba  Al-ArabiyA, precisando che le due donne sono state trovate dalla polizia turca la notte scorsa. «Una mano ingiusta e crudele ha ucciso mia sorella Orouba Barakat e sua figlia Hala nel loro appartamento a Istanbul», ha scritto sul social network Facebook la sorella di Orouba, Shaza Barakat. «Piango mia sorella, combattente in esilio che il regime del partito Baath (al potere in Siria, ndr) oltraggia dagli anni Ottanta e che ora è riuscito a uccidere in terra straniera», ha aggiunto Shaza, accusando in questo modo il regime di Damasco dell'assassinio. Orouba Barakat è un attivista dell'opposizione siriana che si era unita al Consiglio nazionale siriano (Cns) ed è nota per le sue posizioni a favore della rivoluzione, ma anche critiche rispetto alle istituzioni dell'opposizione. La figlia ventenne Hala era giornalista. L'omicidio delle due donne ricorda quello di altri oppositori, tra cui i due giornalisti Naji al-Jarf e Zaher al-Shirqat, uccisi a Gaziantep, al confine tra Turchia e Siria. Ultimo aggiornamento: 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani