Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dallas, l'incubo si ripete: dall'assassinio di Jfk alla strage dei poliziotti

Dallas, l'incubo si ripete: dall'assassinio di Jfk alla strage dei poliziotti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Luglio 2016, 19:17

Soltanto due isolati separano Dealey Plaza, il luogo dell'assassinio di JFK, dal sito della imboscata letale della strage dei poliziotti bianchi che garantivano il servizio d'ordine a una marcia di protesta per gli ultimi due casi di violenza letale contro neri da parte delle forze dell'ordine. Se Micah Johnson non è Harvey Lee Oswald, il fantasma dell'assassinio del presidente Kennedy, il più amato dagli americani si è allungato ugualmente nella notte più drammatica di Dallas. Cinque poliziotti uccisi, almeno sette feriti.

«Dallas ha vissuto la sua più grande tragedia quando Kennedy è stato assassinato negli anni Sessanta. Oggi viviamo emozioni simili», ha ammesso l'Attorney General statale Ken Paxton esprimendo oggi alla CNN il sentimento di tanti concittadini e parlando di «un giorno triste per tutti i texani». La città si è svegliata con un immenso mal di testa dalla sua notte più lunga da allora. Un dolore immenso, un lutto nazionale e una ferita mai veramente rimarginata sono parole che si addicono a oggi come a quel lontano e sempre vivo 22 novembre 1963. Come le bombe a Pearl Harbor e il crollo delle Torri Gemelle, l'assassinio del presidente John Fitzgerald Kennedy è rimasto scolpito nella memoria collettiva globale come uno di quei rari momenti in cui chi allora era vivo ricorda esattamente dov'era e cosa stava facendo.

«I sette secondi che spezzarono la schiena al secolo americano», come definì quel momento lo scrittore Don DeLillo, un atto di violenza inspiegabile commesso da un 'signor nessunò in un contesto di onnipresente copertura mediatica, regalò a Dallas il non invidiabile soprannome di «città dell'odio». Una nomea con cui fino a ieri, grazie anche al fatto che nove su dieci dei suoi attuali abitanti non erano lì quando Kennedy fu ucciso, la metropoli texana stava imparando a convivere, accettando il suo oscuro passato. Oggi, quale sia la stata la dinamica (se ad esempio uno o più cecchini alla Oswald abbiano sparato dall'alto di palazzi del centro come inizialmente indicato dalla polizia), è tornato quel passato. Quel passato che fece accogliere nella stessa Dallas a insulti e sputi l'ambasciatore di Kennedy all'ONU Adlai Stevenson un mese prima dell'assassinio del presidente, è ritornato a galla in quel mix ancora tristemente attuale di violenza e odio di razza. «È stata la cosa più grossa successa qui dal giorno che è morto JFK», ha detto Jalisa Jackson, una residente di Dallas: «È surreale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA